Top

Antonacci parla di adozioni gay in tv: la 'scomunica' di Giovanardi

Biagio Antonacci parla su Rai1 di adozione per le coppie gay. Giovanardi spolvera anche a Natale il suo elmetto per combattere la sua crociata contro gli omosessuali.

Antonacci parla di adozioni gay in tv: la 'scomunica' di Giovanardi

Desk2

24 Dicembre 2015 - 16.43


Preroll

“Biagio Antonacci ha abusato disonestamente della Tv di Stato per lanciare un messaggio totalmente e spudoratamente falso. In Italia sono molto di più le coppie regolarmente sposate, selezionate dai servizi sociali ed autorizzate dal tribunale dei minorenni all’adozione, rispetto ai pochi bambini realmente adottabili in Italia e nel mondo”. A parlare è il senatore Carlo Giovanardi che ha “scomunicato” così Biagio Antonacci.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’artista ieri sera, 23 dicembre 2015, ospite di Rai1 nel programma “Panariello sotto l’albero”, ha dichiarato che per lui è giunto il momento che l’adozione diventi una cosa naturale: “Biagio Antonacci parla di adozioni gay in tv, Gasparri replica: “Schifosa propaganda”
„le coppie eterosessuali, gay bisex, trisex, tutto quello che vuoi, meritano amore e meritano di dare amore. Basta con questo egoismo, perché ci sono tanti bambini che meritano di essere cresciuti da persone che se lo possono permettere. Questa è una legge che deve entrare in vigore prestissimo”, ha detto Antonacci.

Middle placement Mobile

Un’occasione ghiotta per Giovanardi per indossare l’elmetto e tornare in guerra contro le coppie gay, da sempre suo cavallo di battaglia. “Non si capisce per quale crudele follia un bambino che ha già avuto la sfortuna nella vita di perdere i genitori o di essere abbandonato, debba ritrovarsi non con un padre ed una madre di una delle tante coppie della lunghissima fila in attesa di adottare, ma finire in casa di un gentore 1 e genitore 2, entrambi dello stesso sesso. Peggio ancora – ha aggiunto Giovanardi – se Antonacci pensa che i ricchi signori dell’occidente i bambini possano comprarseli con l’acquisto sul mercato di materiale genetico e lo sfruttamento a pagamento della vergognosa pratica del cosiddetto utero in affitto”.

Dynamic 1

Ovviamente interventi come quello del senatore Giovanardi fanno capire quanto l’Italia rimanga diversi passi (per non dire kilometri) indietro rispetto al resto del mondo: ma del resto rimaniamo uno dei pochi paesi occidentali che non è riuscito nemmeno a riconoscere le coppie di fatto.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage