Top

Oscurati due siti Torrent

Erano frequentati da quasi un milione di utenti. Le indagini scaturite dall'arresto a Agropoli di "Tex Willer", l'amministratore di Italianshare.it.

Oscurati due siti Torrent

Desk

4 Dicembre 2012 - 12.08


Preroll

Brutta notizia per gli utenti italiani di Torrentreactor.com e Torrents.net. Stiamo parlando di 900 mila accessi al giorno: un giro d’affari da migliaia di euro. Ora i due portali-pirata, dai quali si poteva scaricare musica coperta da copyright, sono stati oscurati, con un “ordine di inibizione” firmato dal pm Renato Martusciello della Procura di Vallo della Lucania. A coordinare le indagini è la Guardia di Finanza di Agropoli.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La segnalazione dei due siti per il download di musica è arrivata dalla “FImi”, ovvero la “Federazione dell’industria musicale italiana”. ”Sapevamo che nelle prossime ore i siti torrent sarebbero
stati invasi dalle novità discografiche in classifica, tra le quali anche ‘Italia Loves Emilia’, i cui proventi delle vendite fisiche e digitali andranno a favore delle popolazioni colpite dal sisma – ha detto il Presidente di Fimi, Enzo Mazza. L’operazione della Guardia di Finanza ha colpito piattaforme
criminali che lucrano a danno di artisti e imprese italiane, come confermano i dati sui ricavi dei siti. Ora andrebbero sanzionati anche gli investitori pubblicitari che sostengono le attività illegali” ha concluso Mazza.

Middle placement Mobile

Non c’è dubbio però che lo scaricare musica e film gratuiti è un fenomeno di massa che avviene in tutto il mondo, e che si tratta di un fenomeno difficilmente arginabile: chiusi questi due siti che erano raggiungibili attraverso il link “IslaFenice”, ne rimangono attivi molti altri.

Dynamic 1

L’indagine scaturisce da quella della Guardia di Finanza di Agropoli, che l’anno scorso aveva fatto arrestare la’amministratore del sito “Italianshare.it”, conosciuto in rete con il nickname di Tex Willer. Dietro il nome di fantasia si nascondeva un cinquantenne di Agropoli, che aveva messo su un bel giro di affari.

“I server dei due siti oscurati oggi si trovano al’estero. Torrentreactor, che era quello più seguito con 600 mila accessi dall’Italia che era anche il primo paese con una fetta del 14% di utenti, si trova in Ucraina. Il secondo invece, si trova in Svezia. Le rogatorie internazionali sono già state presentate dalla Procura, e abbiamo tutta l’intenzione di andare avanti”, dice il capitano Fabio Antonacchio, comandante della Guardia di Finanza di Agropoli.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage