Niente donne tra i sacerdoti: per la Chiesa questa scelta è definitiva

Monsignor Luis Ladaria, Prefetto della Comgregazione per la dottrina della fede, ha ribadito il divieto di conferire il sacerdozio alle donne

monsignor Luis Ladaria

monsignor Luis Ladaria

globalist 29 maggio 2018

Niente donne tra i sacerdoti: lo ha ribadito il Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, monsignor Luis Ladaria, con un articolo pubblicato oggi sull'Osservatore romano. 


La Chiesa, ha scritto Ladaria, "esclude che il sacerdozio ministeriale possa essere validamente conferito alle donne" e "desta seria preoccupazione veder sorgere ancora in alcuni paesi delle voci che mettono in dubbio la definitività di questa dottrina". 


Nel ribadire il no alle donne sacerdoti il Prefetto ha ricordato la lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis di Giovanni Paolo II del 22 maggio 1994, in cui si ribadisce che 


"Cristo ha voluto conferire questo sacramento ai dodici apostoli, tutti uomini, che, a loro volta, lo hanno comunicato ad altri uomini"; nel documento il Papa ha ricordato "'al fine di togliere ogni dubbio su di una questione di grande importanza che attiene alla stessa divina costituzione della Chiesa' e 'in virtu' del (suo) ministero di confermare i fratelli' (cfr. Luca, 22, 32), 'che la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l'ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa'. La Congregazione per la dottrina della fede, in risposta a un dubbio sull'insegnamento di Ordinatio sacerdotalis, ha ribadito che si tratta di una verità appartenente al deposito della fede".


 


La nota di monsignor Ladaria si riferisce ad alcune voci sorte in alcuni paesi "che mettono in dubbio la definitività di questa dottrina. Per sostenere che essa non è definitiva, si argomenta che non è stata definita ex cathedra e che, allora, una decisione posteriore di un futuro Papa o concilio potrebbe rovesciarla. Seminando questi dubbi si crea grave confusione tra i fedeli, non solo sul sacramento dell'ordine come parte della costituzione divina della Chiesa, ma anche sul magistero ordinario che può insegnare in modo infallibile la dottrina cattolica".


 


I dubbi sollevati "sulla definitività di Ordinatio sacerdotalis hanno conseguenze gravi anche sul modo di comprendere il magistero della Chiesa", aggiunge.


"È importante ribadire che l'infallibilità non riguarda solo pronunciamenti solenni di un concilio o del Sommo Pontefice quando parla ex cathedra, ma anche l'insegnamento ordinario e universale dei vescovi sparsi per il mondo, quando propongono, in comunione tra loro e con il Papa, la dottrina cattolica da tenersi definitivamente", precisa Ladaria che cita anche Benedetto XVI e Francesco che hanno confermato l'esclusione del sacerdozio femminile.


Certamente, conclude, "la differenza di funzioni tra l'uomo e la donna non porta con sé nessuna subordinazione, ma un arricchimento mutuo. Si ricordi che la figura compiuta della Chiesa è Maria, la Madre del Signore, la quale non ha ricevuto il ministero apostolico. Si vede così che il maschile e il femminile, linguaggio originario che il creatore ha iscritto nel corpo umano, sono assunti nell'opera della nostra redenzione".