Nike nella bufera: utilizza la bandiera schiavista nel retro delle scarpe

La Betsy Ross, che ha connotazioni schiaviste e fu usata negli Usa tra il 1777 il 1795. La bandiera presenta le 13 stelle disposte a cerchio sul blu. Il modello è stato ritirato dal mercato dopo le polemiche

Le scarpe della Nike

Le scarpe della Nike

globalist 2 luglio 2019
Un grosso errore, soprattutto mentre i suprematisti bianchi non sono solo un ricordo del passato ma sono più aggressivi di prima, anche grazie a Trump.
Nike scivola su un nuovo modello di sneaker pensato per il 4 luglio, giorno dell'Indipendenza americana. 'Air Max 1 Quick Strike Fourth of July' presenta infatti un modello di bandiera, la Betsy Ross, che ha connotazioni schiaviste e fu usata negli Usa tra il 1777 il 1795. La bandiera che presenta le 13 stelle disposte a cerchio sul blu si trova sul retro della scarpa.
Immediate le polemiche, soprattutto dopo il reclamo da parte di Colin Kaepernick, il quarterback del football americano famoso per la protesta dell'inno, nonché tra i testimonial dell'azienda americana di scarpe sportive. La Nike è corsa ai ripari ritirando il modello dal mercato. Tuttavia dei modelli sono già stati venduti e alcuni sono anche finiti all'asta a oltre duemila dollari contro il prezzo di vendita di 140 dollari.
In segno di protesta contro il modello di sneaker, il governatore dell'Arizona, il repubblicano Doug Ducey ha annunciato che ritirerà gli incentivi alla Nike per la costruzione di un nuovo stabilimento nel suo stato. «Non ci sono parole per esprimere il mio disappunto per questa terribile decisione - ha scritto su Twitter -. Sono in imbarazzo per Nike».