Fake news e odio in rete, tra gli italiani aumenta la paura di Internet

Lo rivela un'indagine di Swg, che ne segue una simile compiuta due anni fa e che rivela che la situazione è andata peggiorando

Internet

Internet

globalist 30 maggio 2019
Lo sappiamo tutti: la violenza verbale su internet e le fake news sono piaghe del tempo moderno e i cittadini italiani ne diventano più consapevoli. Secondo una ricerca di Swg, che segue una simile compiuta due anni fa, tra gli italiani è aumentata la paura di abboccare alle fake news sui social e in rete e di subire episodi di violenza verbale sul web.
La ricerca si chiama 'Odio e Falsità in rete' ed è stata svolta su un campione di 1.200 persone. 
L'indagine rileva che il 39% degli italiani considera le fake news uno dei principali rischi dell'uso della rete (era il 26% nel 2017; +13%); seguono l'incitazione a odio e violenza (15%; +4% rispetto al 2017) e il decadimento del linguaggio (13%; +4%). Il 12% (+5%) degli utenti della rete e' sempre piu' convinto che ormai i nostri dibattiti online si svolgano solo attraverso le estremizzazioni delle opinioni. Per l'80% (+12%) degli intervistati le fake news sono un problema in aumento per la nostra societa', mentre il 68% si e' rassegnato alla violenza verbale online considerandola il nuovo modo di comunicare ai tempi di internet. Per quanto riguarda l'hate speech, e' in diminuzione rispetto al 2017 la percezione che a subire linguaggi violenti siano i migranti (lo pensava il 20% nel 2017, l'8% nel 2019), i politici (dal 22% al 14%) e le donne (dal 19% all'11%). In aumento, invece, l'idea che le nuove vittime siano le forze dell'ordine (dal 6% al 9%). Invariate restano le percentuali per omosessuali, personaggi dello spettacolo, disabili. Secondo l'87% degli intervistati la cittadinanza digitale per un uso consapevole e maturo della rete dovrebbe diventare materia scolastica.