La cultura contro il nazismo: oscurano con le poesie le svastiche dipinte sui muri

A Fiumicino sono state affisse decine di fogli bianchi, su muri, alberi e pali di varie strade e sulla passerella pedonale sul Tevere.

Uno dei sonetti appesi in un muro

Uno dei sonetti appesi in un muro

globalist 28 maggio 2019

Una risposta ai nazisti e nazistelli che infestano l'Italia: Fiumicino si è svegliata questa mattina "invasa" da sonetti di illustri poeti.


Mani ignote, la scorsa notte, hanno affisso decine di fogli bianchi - su muri, alberi e pali di varie strade e sulla passerella pedonale sul Tevere - su cui si leggono sonetti di Giacomo Leopardi, William Shakespeare, Sandro Penna e Giuseppe Ungaretti.


Molti dei piccoli manifesti hanno coperto scritte e svastiche.