Nuova ondata di maltempo: neve al Nord, piogge e venti al Centrosud

Le fitte nevicate nelle regioni settentrionali hanno messo in stato d'allerta la protezione civile. Disagi e danni causati da piogge burrascose al Centro e al Sud.

Maltempo

Maltempo

globalist 1 febbraio 2019
Maltempo in arrivo su tutta l'Italia, con fitte nevicate soprattutto al nord, piogge e venti forti al centrosud.
Le temperature in aumento in quota sulle regioni del Nord unite a valori ancora prossimi allo zero in pianura, favorirà il fenomeno della pioggia gelata sul Piemonte meridionale, Lombardia sud-occidentale e zone collinari e valli dell'Appennino emiliano e dell'entroterra ligure.
Sta nevicando su tutto l'Alto Adige: nelle prossime 24 ore sulle montagne sono attesi fino a 80 cm di neve, in particolare tra la Val d'Ultimo e le Dolomiti, zone che quest'inverno hanno registrato scarse nevicate. La protezione civile ha proclamato lo stato d'allerta: il pericolo valanghe nelle prossime ore raggiungerà il livello quattro di cinque.
Stamani Milano e molte altre città e paesi della Lombardia si sono svegliate sotto la neve. Nevica anche nel Lecchese, dove i maggiori disagi si sono registrati in Valsassina e sulla statale tra Lecco e Ballabio, chiusa al traffico all'altezza del capoluogo a causa del tamponamento avvenuto tra tre mezzi pesanti.
Una valanga ha investito un'autovettura che stava transitando sul tratto austriaco della statale del Brennero, tra Schoenberg e Matrei. Il guidatore è rimasto illeso. La slavina, di un fronte dieci metri, si è staccata da un pendio che sovrasta la strada, spingendo l'auto verso il guardrail.
Maltempo in Valtellina e Valchiavenna investite da fitte nevicate anche a fondovalle. Nevica costantemente in tutta la provincia di Bergamo. Dieci sindaci hanno deciso la chiusura delle scuole: Valbondione, Vilminore di Scalve, Bracca, Costa Serina, Sant'Omobono Terme, Capizzone, Berbenno, Rota d'Imagna, Taleggio e Torre de' Busi. Una donna, bloccata dalla neve, ha partorito sul sagrato di una chiesa.
In Veneto il maltempo fa prevedere due giorni di acqua alta a Venezia, pioggia ovunque e tanta neve in montagna: a Cortina d'Ampezzo già di prima mattina sono caduti 15 centimetri di manto fresco.
Nevica anche in Valle d'Aosta. Le precipitazioni sono più intense nella zona nord occidentale, dove il pericolo valanghe è 4-forte (su una scala da 1 a 5 punti) mentre è 3-marcato sul resto del territorio. Proprio per questo è temporaneamente chiusa la Val Ferret, nel comune di Courmayeur, dove sono in vigore delle limitazioni anche per l'accesso alla Val Veny. A Courmayeur ci sono oltre 40 centimetri di neve fresca. Chiuso, per i soli mezzi pesanti, il tunnel del Gran San Bernardo.
Nevica su tutto il Piemonte: sulle montagne del Cuneese e del Torinese lo spessore del manto fresco ha già raggiunto i 30-40 cm. Qualche centimetro di neve è caduto anche a Torino. Un 34enne è morto in un incidente a Stupinigi, alle porte di Torino: l'auto si è ribaltata forse a causa della nevicata. Scuole chiuse, per precauzione, ad Asti, Alessandria e Cuneo e in molti altri centri minori del sud della regione. Allerta valanghe in tutte le vallate cuneesi (livello 4 "forte" per Arpa Piemonte).
Disagi per piogge e burrasche anche al Centrosud. Interrotti per forte vento i collegamenti con l'isola d'Elba. Ad Afragola (Napoli), a causa di una voragine che si è aperta al suolo, probabilmente a causa delle abbondanti piogge, è crollata una vecchia costruzione abbandonata.