L'economia del Cambiamento spiegata dal professore Pasqualino Checcevò

Tutti i trucchi per gabbare l'Europa e il 'popolo' italiano. E il disavanzo può diventare avanzo dal quale prendere i miliardi che servono

Il disavanzo

Il disavanzo

Giancarlo Governi 20 dicembre 2018

Siamo riusciti a intercettare una conversazione fra un noto giornalista economico e il famoso professore, più volte candidato al Nobel, Pasqualino Checcevò.



  • Professore, come uscire dalla crisi?

  • Uscendo dall’Europa o rimanendo dentro?

  • Ci faccia le due ipotesi

  • Si può uscire dall’Europa alla chetichella, senza tanto chiasso. Basta non farlo sapere in giro. Il problema è Salvini che si vanterebbe subito con i suoi elettori.

  • Questa la vedo difficile, proviamo con l’altra ipotesi. Il problema è il disavanzo di mille e passa miliardi

  • E’ una questione linguistica. Cominciamo a giocare con l’etimologia delle parole. Basta togliere il prefisso dis alla parola avanzo, tanto in Europa l’italiano non lo conosce nessuno, e quello che ci serve lo possiamo prendere dai miliardi che (dis)avanzano.

  • Questa è una. Ne azzardi un’altra.

  • La doppia moneta. Entrate in euro, che vale molto di più della lira, e uscite in lire. Facciamo i conti in lire e facciamo credere all’Europa che sono euro, tanto chi se ne accorge! Il problema sta nel mantenere il segreto, non è facile perché noi non siamo abbastanza patriottici. Ci vuole l’unità nazionale per queste cose.
    Comunque, con la doppia moneta potremmo pagare il reddito di cittadinanza in lire. Ai percipienti diciamo che diamo 1.400 al mese, tacendo sulla natura della moneta e invece di euro gli carichiamo sulla carta vecchie lire. Se ci cascano potremmo salire anche a due tremila.



  • Ma i disoccupati sono persone di una certa età che hanno conosciuto bene la lira e ne conoscono il valore. In fin dei conti è uscita dalla circolazione soltanto 17 anni fa…

  • Allora potremmo giocare sui decimali, sulle virgole. Ha visto quel numeretto che hanno concordato con l’Europa, 2,04? Ebbene, basta un semplice errore di trascrizione per farlo diventare, senza tante discussioni, 0,24! I numeretti sono gli stessi ed è soltanto la virgola a spostarsi. E’ stato detto più volte da chi ha competenza che le virgole non sono un problema? E allora basta spostarla a piacimento.

  • E se l’Europa se ne dovesse accorgere?

  • Diciamo che c’è stato un errore di trascrizione

  • Ma lei la fa troppo facile caro professore

  • Lei è pessimista sulle risorse del popolo italico. E va bene … potremmo ricorrere all’estremo rimedio, questo sì in gran segreto, che potremmo definire in codice “Operazione Casoria” (ricorda il nome del ragioniere Casoria della Banda degli Onesti di totoiana memoria?). La Banca d’Italia dà mandato alla Zecca dello Stato di stampare euro a profusione, tanto hanno le matrici e la filigrana a volontà, e metterle sul mercato in forma scadenzata.

  • Questo mi sembra più possibile. Grazie professore del suo pensiero illuminante.

  • Non c’è di che. Però mi raccomando queste cose non le scriva, rimangano fra noi.

  • Non c’è bisogno che me lo raccomandi, un bravo giornalista le notizie se le tiene per sé. 



(Conversazione intercettata e trascritta da


Giancarlo Governi)