Sostituiscono per gioco l'incenso con la marijuana: parroco e fedeli ricoverati

A Chieti è caccia agli artefici dello scherzo perfetto: della marijuana è stata messa nell'incensiere al posto dell'incenso durante la celebrazione della messa.

Turibolo

Turibolo

Desk 18 dicembre 2018

In una piccola parrocchia della città di Chieti, durante la funzione il giovane parroco avrebbe messo nell’incensiere alcuni grammi di marijuana.


Stando a quanto ha riferito il parroco, dopo la funzione si è subito trovato in un evidente stato confusionale. La perpetua, preoccupata dallo stato di salute del prete l’ha subito portato in pronto soccorso. Qui dopo alcuni esami è risultato che il parroco fosse stato intossicato dal cannabinoide sintetico JWH 122. Successivamente anche altri dei fedeli che avevano assistito alla funzione quel giorno, in maggioranza vecchietti, si sono recati in ospedale riportando gli stessi sintomi.
Stando alle prime ricostruzioni dei carabinieri, l’accaduto sembrerebbe essere uno scherzo da parte di alcuni ragazzi della parrocchia che avrebbero sostituito l’incenso con la marijuana prima della messa. Dopo che il prete ha acceso “l’incenso” la chiesa si è fin da subito riempita di fumo.
Fortunatamente sia parroco che fedeli adesso stanno bene ma in tutto il paese adesso è caccia agli autori dello scherzo perfetto. In tutta la città si è da subito parlato dell’accaduto, anche perché il parroco è da sempre stato visto come una figura particolare all’interno della cittadina. Si era infatti fatto conoscere dopo che aveva organizzato una tendata prima dell’esame di maturità di alcuni giovani per permettergli di vivere un’esperienza più vicina a Dio in occasione della notte prima degli esami.