Coca-Cola alla marijuana, la società al lavoro per lo sviluppo: "un prodotto mirato al benessere"

E non sono i soli: molte industrie si stanno attrezzando nella previsione che la cannabis sarà resa legale in molti paesi

Coca cola

Coca cola

globalist 17 settembre 2018

Sono in tanti a pensare che, nonostante i diversi pareri contrari delle frange più conservative dei vari governi, la legalizzazione della cannabis sia un futuro che riguarderà molti paesi. E i giganti dell'industria si stanno già muovendo, specie i grandi produttori di birra come Constellation Brands, il proprietario delle birre Corona e Modelo e della vodka Svedka, che ha recentemente investito diversi miliardi di dollari nella società canadese Canopy Growth.


E anche Coca Cola non è da meno: in una nota il colosso delle bibite ha spiegato che sta "studiando da vicino" il possibile impiego di una sostanza non psicotropa della cannabis, il cannabidiolo (Cbd), come ingrediente di un nuovo prodotto mirato al benessere. Il Cbd tra le sue proprietà ha effetti rilassanti, antiossidanti e antinfiammatori.


"Stiamo studiando da vicino la crescita nel mondo del Cbd, un principio non psicoattivo, come ingrediente nelle bevande per il benessere", ha dichiarato la società in una nota. "Questo settore sta cambiando rapidamente", ha aggiunto, spiegando che "nessuna decisione è stata ancora presa". Il gruppo lavorerà al progetto con la società canadese Aurora Cannabis.