Anche i dinosauri avevano la forfora: la scoperta su un fossile di Microraptor

Su un dinosauro fossile di 125 milioni di anni fa ritrovate le tracce di forfora più antiche al mondo

il fossile di microraptor

il fossile di microraptor

globalist 28 maggio 2018

Con buona pace dei vecchi libri di storia, o di Jurassic Park, che i dinosauri non fossero delle enormi lucertole ma fossero più simili a dei polli giganti, con piume e tutto, è ormai una realtà scientifica consolidata. Può non piacere, ma una nuova, recente scoperta va a confermare quest'ipotesi che smonta anni e anni di immaginario preistorico: i nostri predecessori sulla Terra avevano la forfora, in maniera del tutto simile agli uccelli di adesso.


Tracce di forfora fossile, risalente a 125 milioni di anni fa, sono state trovate sulla pelle fossilizzata di un dinosauro piumato chiamato Microraptor: la ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications da un gruppo di ricerca coordinato dall'University College Cork, in Irlanda.


"È una cosa rara poter studiare la pelle di un dinosauro, e il fatto che presenti forfora - spiega il co-autore dello studio Mike Benton, dell'Università di Bristol - dimostra che il dinosauro non faceva la muta cambiando tutta la pelle come le lucertole o i serpenti moderni. Al contrario perdeva frammenti di pelle", come gli uccelli e i mammiferi moderni. Oltre al Microraptor, i paleontologi hanno trovato ulteriori tracce di desquamazione tra le piume di altri due dinosauri (Beipiaosaurus e Sinornithosaurus) e degli antichi uccelli di Confuciusornis. "Le cellule fossilizzate sono conservate nei minimi dettagli, fino a livello delle fibrille di cheratina", spiega la paleobiologa Maria McNamara, che ha confrontato queste desquamazioni preistoriche con quelle degli uccelli moderni al microscopio elettronico. "Quello che è davvero sorprendente - sottolinea l'esperta - è che la forfora fossile è pressoché identica a quella degli uccelli moderni: anche l'avvolgimento a spirale delle singole fibre è ancora visibile". Lo studio suggerisce che la forfora si sia evoluta verso la fine del Giurassico medio, insieme a molte altre caratteristiche della pelle. "In quel periodo c'è stata un'accelerazione dell'evoluzione dei dinosauri piumati e degli uccelli - precisa McNamara - ed è interessante vedere testimonianze di come la loro pelle si sia evoluta rapidamente in risposta alla comparsa delle piume".