Consiglio di Stato: sì al Parco archeologico del Colosseo

Sì anche alla nomina di cittadini non italiani quali direttori del parco.

Due turisti fotografano il Colosseo dal colle Palatino in una foto d'archivio

Due turisti fotografano il Colosseo dal colle Palatino in una foto d'archivio

globalist 24 luglio 2017

Il parco archeologico del Colosseo si farà, lo ha deciso il Consiglio di Stato. Sì anche alla nomina di cittadini non italiani quali direttori del parco. E' quanto ha stabilito il Consiglio di Stato con due sentenze con cui ha accolto gli appelli del ministero dei Beni culturali proposti contro due sentenze del Tar Lazio che avevano a loro volta accolto i ricorsi di Roma Capitale in relazione all'istituzione del Parco archeologico del Colosseo e alla nomina con selezione pubblica internazionale del direttore del Parco.


Nelle sentenze, in particolare, il Consiglio di Stato si pronuncia su tre questioni: quella del necessario coinvolgimento di Roma Capitale nel processo decisionale; quella della fonte istitutiva ed infine quella del conferimento dell'incarico di direzione del Parco archeologico anche a cittadini non italiani.


"Il Consiglio di Stato annulla sentenza Tar Lazio. Ripartono il Parco Archeologico #Colosseo e la selezione internazionale per il direttore", commenta Franceschini su Twitter.



"Un onore che @IrinaBokova, Direttore Gen. @UNESCO, abbia accettato mio invito a far parte del Cons.Amm. del Parco Archeologico del #Colosseo". Lo annuncia su Twitter il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, dopo il via libera del Consiglio di Stato all'istituzione del parco e alla nomina di direttori stranieri.