Top

L'orso polare esiste da 600mila anni

Lo studio delle caratteristiche genetiche dimostra che è cinque volte più antico di quanto si credesse. Ecco come si è adattato al gelo artico.

L'orso polare esiste da 600mila anni

Redazione

21 Aprile 2012 - 15.11


Preroll

L’orso polare è cinque volte più antico di quanto si credesse. Lo dimostra una recente ricerca di Frank Hailer -del Centro di Ricerca per la biodiversità e clima di Francoforte. Studiando il Dna dell’animale della calotta artica, si sono accorti che appartiene ad una stirpe più anziana. Circa 600mila anni fa, infatti, l’orso del nord già esisteva e questo significa che ha avuto più tempo per adattarsi al particolare ambiente gelido del pianeta.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Science, fin ora si era studiata solo una parte del Dna dell’orso polare, ovvero solo di una piccola parte esterna della cellula, senza arrivare fino al nucleo. Come se fossero state lette solo alcune pagine di un libro. Per cui, in base alle ricerche passate, si era stabilito che l’animale appartenesse ad una specie formatasi tra 166mila e 111mila anni fa. Questo significava che l’orso polare avesse avuto un rapido adattamento alle condizioni polari.

Middle placement Mobile

La scoperta può portare a capire che le condizioni climatiche hanno una stretta correlazione con l’origine evolutiva dell’orso polare. I ricercatori avvertono che l’attività umana sta accelerando il cambiamento climatico globale, e che l’Artico può raggiungere temperature particolarmente elevate in modo repentino. L’adattamento di questa specie –che in passato è stata lenta- oggi potrebbe non arrivare a sopportare il mutamento delle condizioni del clima, col conseguente rischio di estinzione dell’orso bianco.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage