I curdo-siriani arrestano Emilie Konig, la jihadista più ricercata di Francia

La donna originaria di Lorient si era andata in Siria a sostenere la causa dell'Isis e reclutava donne per i miliziani

Emilie Konig, 30 anni, è una delle più ricercate jihadiste francesi

Emilie Konig, 30 anni, è una delle più ricercate jihadiste francesi

globalist 2 gennaio 2018

Le forze curde hanno fermato in Siria Emilie Konig, una delle più ricercate jihadiste francesi dell'Isis. Lo riporta la radio francese Rmc, che avverte anche che la trentenne di Lorient (Bretagna) si trova in questo momento in un campo di rifugiati gestito dai curdi.


Attivissima sui social network, Konig è stata per anni una delle principali reclutatrici di terroristi dell'Isis. Nel settembre 2015, fu la prima donna inserita dagli Usa nella lista nera dei terroristi internazionali. Tra l'altro, la francese figlia di un gendarme bretone è sospettata di aver incitato alcuni suoi conoscenti in Francia a perpetrare azioni violente. Dalla Siria, diffondeva video di propaganda incitando alla jihad armata. Lasciò la Francia per la prima volta nel 2012, prima di tornare nell'agosto 2013 per tentare di recuperare i figli, ma poi ripartì da sola. Secondo Rmc, un'altra decina di jihadiste francesi sono state arrestate in queste ultime settimane insieme ai figli e si trovano ora nello stesso campo curdo della Konig. Diverse di loro avrebbero scritto al presidente, Emmanuel Macron, per chiedere di essere giudicate dinanzi a un tribunale francese. Nelle scorse settimane, il presidente ha detto che Parigi esaminerà "caso per caso" la situazione delle jihadiste dell'Isis con passaporto francese.