Afghanistan: la prossima guerra sarà tra i talebani e i pasdaran iraniani

Afghanistan, nuovo, probabile fronte di guerra tra talebani e pasdaran. Uno scenario alquanto realistico ora che i “Studenti coranici” stanno per completare la conquista del Paese

Talebani

Talebani

Umberto De Giovannangeli 14 agosto 2021

Afghanistan, nuovo, probabile fronte di guerra tra talebani e pasdaran. Uno scenario alquanto realistico ora che i “Studenti coranici” stanno per completare la conquista del Paese, issando la loro bandiera nera su Kabul. 

Talebani contro pasdaran

A darne conto, in un documentato report su Haaretz, è il più autorevole analista militare israeliano: Zvi Bar’el

“Un nuovo fronte che si sviluppa nell'est dell'Iran minaccia la sua sicurezza. Alla fine del mese gli Stati Uniti dovrebbero completare il loro ritiro dall'Afghanistan, che sta già cadendo nelle mani dei talebani. I talebani controllano già più del 60% delle province dell'Afghanistan, secondo stime prudenti, e si stanno avvicinando a Kandahar sulla loro strada verso la provincia di Helmand. In 60-90 giorni dovrebbero conquistare la capitale Kabul. Centinaia di migliaia di persone stanno fuggendo dalle loro case, migliaia attraversano quotidianamente il confine con l'Iran e si uniscono ai 2 milioni di rifugiati afghani che si sono stabiliti lì dopo le guerre precedenti. La maggior parte di questi rifugiati provengono dalle province sciite. Alcuni sono stati arruolati nelle milizie iraniane che operano in Siria, altri si sono arruolati per combattere in Libia. Per l'Iran, che fornisce loro istruzione e servizi sanitari, questo è un enorme peso economico. Ma il rischio per la sicurezza è maggiore. Il dominio talebano in Afghanistan lo trasformerà in un nemico dell'Iran.

L'Iran, che si è attenuto al principio di estromettere tutte le potenze straniere, cioè gli americani, dal Medio Oriente, capisce che le forze internazionali che hanno aiutato l'Afghanistan, anche se parzialmente, a bloccare l'avvicinamento dei talebani, gli hanno fatto bene. Una volta che si ritireranno, l'Iran dovrà forgiare una nuova strategia di difesa che potrebbe richiedergli di dormire con il nemico, e non per la prima volta. Nonostante la storica spaccatura tra sunniti e sciiti, l'Iran non solo ha sostenuto il governo afghano sunnita, ma ha persino aperto canali di comunicazione con le forze talebane per prevenire attacchi nel suo territorio da parte delle forze sunnite dello Stato Islamico, che volevano usare la zona di confine tra gli stati come base per azioni contro l'Iran. Una delle opzioni che l'Iran affronta ora è quella di espandere la cooperazione con i talebani, che hanno usato l'Iran per anni come via per esportare droga in Occidente, fornendo la principale fonte di reddito per le loro attività. L'Iran, apparentemente, non ha problemi a cooperare con i governi e le organizzazioni sunnite, anche quando sostengono opinioni religiose o nazionali opposte ai suoi principi. Come ogni stato razionale, l'ideologia iraniana si piega di fronte alla necessità. Il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei, l'ha chiamata "flessibilità eroica", che l'Iran ha mostrato diverse volte negli ultimi anni.

Questa settimana, quando il presidente Ebrahim Raisi ha presentato le sue scelte di gabinetto al parlamento, c'era almeno uno tra loro che era particolarmente contento della possibilità di regolare i conti con il governo uscente di Hassan Rohani.

Hossein Amir-Abdollahian, che è stato scelto come ministro degli esteri, era il vice dell'ex ministro degli esteri Javad Zarif, che lo ha licenziato nel 2016. Amir-Abdollahian è molto vicino alle Guardie Rivoluzionarie ed era amico di Qassem Soleimani, il comandante della Forza Quds ucciso nel gennaio 2020. Si è costruito una base di potere quasi indipendente nel ministero degli Esteri e ha condotto una politica contraria a quella di Zarif, soprattutto per quanto riguarda i colloqui con gli Stati Uniti. I rivali di Zarif hanno affermato che ha licenziato Amir-Abdollahian tre giorni dopo che Zarif ha incontrato il segretario di Stato americano John Kerry.

‘Non siamo contenti che persone influenti come Abdollahian lascino il sistema di governo, ma la sua assenza non influenzerà il sostegno dell'Iran alla resistenza’ ha detto allora il presidente del Comitato per la sicurezza nazionale e la politica estera del Parlamento, Alaeddin Boroujerdi.

Rohani è stato anche criticato all'epoca per non essersi opposto agli americani e per aver licenziato il vice ministro degli Esteri in conformità con le richieste di Washington. Nel gergo diplomatico e dell'intelligence, Abdollahian è visto come un ‘estremista’ che influenzerà i negoziati con le potenze occidentali. Se la sua nomina sarà ratificata, e non c'è ragione che non lo sia, gli analisti israeliani e occidentali si aspettano che sollevi nuove richieste e faccia tutto il possibile per sventare un nuovo accordo nucleare, che è in lavorazione a Vienna da aprile.

Ma ‘estremo’ e ‘moderato’ sono termini ingannevoli che fanno poco per spiegare la politica estera iraniana.

Per esempio, Abdollahian è stato inviato nel 2014 a rappresentare l'Iran all'inaugurazione del presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi. Il fatto che Sisi avesse arrestato il suo stesso predecessore, Mohammed Morsi, dei Fratelli Musulmani, non preoccupava l'Iran, che allora lanciò una campagna per far avanzare le sue relazioni con il Cairo.

‘Il popolo egiziano è stato il pioniere del sostegno ai palestinesi fin dalla crescita del problema palestinese, e senza l'aiuto egiziano la nazione palestinese non avrebbe potuto perseverare contro l'aggressione israeliana", ha annunciato il consigliere politico di Khamenei, Ali Akhbar Velayati. E Abdollahian ha detto: ‘La sicurezza nazionale dell'Egitto è legata alla sicurezza dell'Iran’.

L’asse Teheran-Il Cairo

“Chi avrebbe creduto c- prosegue Bar’el - he lo stato che ha boicottato l'Egitto dopo aver firmato gli accordi di Camp David e denunciato duramente la cacciata di Morsi avrebbe accolto il nuovo presidente egiziano, che ha rafforzato i suoi legami con Israele? Questo è solo un esempio del divario che a volte appare tra il profilo costruito dai servizi di intelligence sugli alti iraniani e la loro politica, che dipende dagli interessi politici, economici e militari, indipendentemente da come si sono espressi in pubblico. Una cautela simile è richiesta quando si tratta di Raisi, il cui profilo Israele ha presentato al capo della Cia William Burns nella sua visita qui questa settimana.

Secondo Israel News 12, il ‘file Raisi’ presentato dal capo del Mossad David Barnea dice che ‘il nuovo presidente iraniano è un uomo brutale che è responsabile della morte di migliaia di persone in Iran, alcune delle quali con le sue stesse mani. Sulla base delle stesse testimonianze, Raisi ha tratto piacere dagli atti di omicidio. Il Mossad dice anche che ha un disturbo borderline della personalità... e Israele teme che sarà impossibile raggiungere un accordo con il problematico presidente. E anche se un accordo viene firmato, non necessariamente lo rispetterà’.

Israele ha buone relazioni con un certo numero di leader la cui personalità è vista come borderline, ma non è questo il punto principale. La Cia non ha un suo profilo su Raisi che ha bisogno dell'analisi di Israele per sapere con chi ha a che fare a Teheran? Israele, che ha avvertito che Raisi non manterrà necessariamente l'accordo, ha dimenticato che è stato il presidente Donald Trump, egli stesso un uomo con ‘disturbo borderline di personalità’, a rompere l'accordo nucleare? Non c'è dubbio che Raisi era tra i diretti responsabili dell'assassinio di migliaia di prigionieri politici in Iran nel 1988. Nuovi, orribili dettagli saranno senza dubbio rivelati nel processo che si sta svolgendo in Svezia contro Hamid Nouri, un funzionario carcerario iraniano sospettato di aver compiuto gli omicidi.

Presentare il profilo di Raisi solleva un'altra questione. Se il presupposto è che il massimo responsabile dei negoziati nucleari è Khamenei e che il presidente è vincolato alle linee guida da lui dettate, allora qual è la rilevanza di Raisi? È lo stesso Khamenei che ha approvato l'accordo nel 2015 e ha permesso la ripresa dei negoziati quest'anno.

La risposta è che il presidente ha un'importanza considerevole nell'impostare l'atmosfera, nell'interpretare le linee di base, nel nominare la squadra negoziale e nell'inquadrare i successi o i fallimenti. Il suo ‘estremismo’ può certamente avere un effetto, ma Mahmoud Ahmadinejad era meno estremo di Raisi? Non era forse responsabile della morte di centinaia di manifestanti e dell'arresto di migliaia di persone che protestavano contro la sua dubbia elezione nel 2009?

Eppure è stato durante il suo mandato che sono iniziati i colloqui segreti tra iraniani e americani in Oman, che hanno portato all'accordo nucleare quando Rohani è stato eletto.

Tra l'altro, colui che guidava la squadra americana allora non era altri che William Burns, il capo della Cia che vedeva l'accordo come una conquista personale e americana.

L'ideologia nazionale e religiosa dell'Iran ha naturalmente uno status supremo e ogni mossa è fatta in suo nome. Ma questi principi non sono scolpiti nella pietra. Quando è necessario, si dà loro un'interpretazione che corrisponde agli interessi e ai bisogni immediati, non solo in materia nucleare. Per esempio, tre giorni fa Mohammad Reza Zafarghandi, il presidente del Consiglio medico iraniano, ha criticato l'ordine di Khamenei di non importare vaccini contro il coronavirus dall'Occidente in generale e dagli Stati Uniti in particolare. ‘Coloro che hanno limitato l'importazione dei vaccini saranno ritenuti responsabili oggi?’ ha twittato. Non ha fatto il nome di Khamenei, ma tutti sanno a chi si riferiva. Il giorno dopo Khamenei ha detto in televisione che si deve fare di tutto per aumentare il numero di vaccini, sia con la produzione interna che importandoli ‘in ogni modo possibile’. Sembrava che il divieto di importazione dall'Occidente fosse evaporato senza una dichiarazione esplicita.

Il coronavirus e le sue decine di migliaia di vittime - alcuni dicono più di un quarto di milione di persone - ha piegato il principio? Se è così, perché cresce l'ipotesi che la crisi economica, la siccità, la diminuzione del reddito, la svalutazione del rial, le decine di manifestazioni e scioperi non forniranno più il pretesto per rinnovare presto i colloqui sul nucleare, in modo che le sanzioni siano revocate? Dopo tutto, sono state le stesse sanzioni che hanno portato l'Iran al tavolo delle trattative per cominciare.

È troppo presto per trarre conclusioni definitive. Raisi è presidente da una settimana, e non ha ancora un gabinetto o un team di negoziatori. Il "profilo" di un leader è un dispositivo volubile. Può descrivere il passato ma non può prevedere il futuro”. Fin qui l’analista israeliano. 

Per una guerra che si sta per concludere, un’altra potrebbe ben presto aprirsi. Non c’è pace nel Grande Medio Oriente.