Giordania, perché quel golpe fallito è molto più che un affare della famiglia reale

Il sito web egiziano Arabi21, che è sostenuto dal Qatar ha riferito che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti erano partner nel tentativo di colpo di stato e forse anche i suoi istigatori.

Re Abdallah di Giordania

Re Abdallah di Giordania

Umberto De Giovannangeli 5 aprile 2021

Amman, perché quel tentato golpe non è un semplice affare di famiglia, sia pur reale. Partiamo dai fatti.

Nel giorno di Pasqua il governo giordano ha rivelato di aver fermato un complotto per "destabilizzare" il regno che coinvolgeva il principe Hamzh bin Hussein, un fratellastro di re Abdallah II e ha arrestato diversi sospetti. Il principe, insieme ad altri, "progettava di minare la sicurezza e la stabilità" della Giordania, ha detto il vice primo ministro e ministro degli Esteri, Ayman Safadi, accusando formalmente il principe di sedizione, all'indomani della raffica di arresti. Hamzah in un video ha affermato di essere stato costretto ai domiciliari nel suo palazzo e di non poter più comunicare con l'esterno.

In conferenza stampa, Safadi ha riferito che sono state arrestate in tutto 16 persone. Secondo il vice primo ministro, Hamzah "era in contatto con elementi stranieri e oppositori" in Giordania "con l'obiettivo di destabilizzare il governo e la famiglia reale". Per questo "i servizi di sicurezza, attraverso indagini approfondite hanno a lungo monitorato le attività e i movimenti" del principe, di Sharif Hasan bin Zaid, membro della famiglia reale, dell'ex ministro delle Finanze ed ex capo di gabinetto della Corona Basem Awadallah e degli altri. 

Attori esterni

"Un'agenzia di intelligence straniera ha contattato la moglie del principe per organizzare un aereo per la fuga", ha rivelato il ministro degli Esteri. Safadi ha poi assicurato che "sono stati compiuti sforzi affinché i fatti restassero all'interno della famiglia, ma alla fine non hanno avuto successo. Le autorità, ha spiegato, "sono intervenute dopo che dai sospetti si è entrati in una fase che va oltre la pianificazione e si parlava già del momento in cui agire".
Safadi ha poi detto che "l'operazione è ora conclusa" e non ha smentito le notizie di stampa secondo le quali Hamzah abbia orchestrato un colpo di stato, ma ha sottolineato che "non si parla di arresti tra i membri delle Forze armate". Fino all'intervento di Safadi, la stampa ufficiale aveva continuato a negare non solo l'arresto di Hamzah, ma anche il suo coinvolgimento nel complotto. Poco prima anche la regina Nour aveva denunciato le "calunnie" contro suo figlio. Nour, quarta e ultima consorte del defunto re Hussein, ha affermato "di pregare perché la verità e la giustizia prevalgano per tutte le vittime innocenti".

 Secondo il Washington Post, tra gli arrestati ci sono diversi agenti dei servizi segreti. Fonti di intelligence locali citate dal quotidiano hanno parlato di una "cospirazione complessa e di vasta portata" che avrebbe coinvolto, oltre a esponenti della famiglia reale e dei servizi segreti, alcuni leader tribali fedeli a Hamzah.

"Seguiamo con attenzione le informazioni e siamo in contatto con le autorità giordane", ha dichiarato in un comunicato il portavoce del dipartimento di Stato Usa, Ned Price. "Il re Abdallah - ha sottolineato - è un alleato chiave degli Stati Uniti e ha tutto il nostro appoggio". La corona saudita ha espresso il suo sostegno alle "decisioni del re e del principe Hussein bin Abdullah per proteggere la sicurezza e la stabilità del Paese contro ogni tentativo di sabotaggio".

"Solidarietà" è stata manifestata dalla Lega Araba. Anche la Turchia ha espresso "preoccupazione" e "forte sostegno" alla pace e alla prosperità di un Paese "chiave per la pace in Medio Oriente". Il ministro israeliano della Difesa, Benny Gantz, ha ammonito che "gli eventi in Giordania sono affari interni. E' un Paese con il quale siamo in pace. C’è una importanza strategica nelle nostre relazioni. Dobbiamo fare di tutto per preservare questa alleanza, che esiste da 30 anni".

"E' negli interessi della sicurezza di Israele e faremo qualsiasi cosa per assistere economicamente la Giordania". L'Iran ha sottolineato "l'importanza della pace e della stabilità in Giordania" e "si oppone a qualsiasi interferenza straniera". Hamza ha confermato che le persone arrestate sono suoi amici e ha negato di essere parte di un complotto. Ha sottolineato però che il regno hashemita "è piagato dalla corruzione, dal nepotismo e dal malaffare" e che a nessuno è consentito criticarlo. 

Privo di incarichi ufficiali, Hamzah, 41 anni, è il primogenito della regina Nour, quarta moglie del defunto re Hussein, che aveva concepito Abdallah II con la seconda moglie, la principessa Muna. Hamzah era stato nominato principe ereditario nel 1999 in linea con le ultime volontà di Hussein, ma nel 2004 Abdallah II lo aveva privato del titolo per assegnarlo al figlio maggiore, Hussein bin Abdullah.

"L'Unione europea segue da vicino i recenti eventi in Giordania", con la quale c'è una "partnership forte e solida". "Continueremo a sostenere la Giordania e il suo popolo. L'Ue sostiene pienamente il re Abdullah II e il suo ruolo di moderatore nella regione". Lo scrive su twitter Nabila Massrali, portavoce della Commissione europea per gli affari esteri. 

Quanto al presunto principe-fratellastro golpista, ha affermato che non obbedirà agli ordini, in una registrazione audio trasmessa su Twitter nella notte tra domenica e lunedì, lo riporta Ansa/Afp. "Ovviamente non obbedirò (agli ordini del capo di stato maggiore, il generale Youssef Huneiti, ndr) quando mi dice che non sono autorizzato ad uscire, a twittare, a comunicare con le persone e che mi è permesso solo vedere la mia famiglia", dice Hamzah nella registrazione di una conversazione al telefono con un interlocutore.  

Visto da Israele

Se c’è un Paese dell’area che guarda con estrema preoccupazione agli eventi del regno hashemita, quel Paese è Israele. Non solo peer questioni di vicinanza, ma perché la maggioranza della popolazione giordana è palestinese e dunque una destabilizzazione della corona avrebbe una inevitabile ricaduta anche in Cisgiordania.

Utile in questo senso, è l’analisi di Zvi Ba’rel, firma storica di Haaretz: “Due anni fa, nel maggio 2019, il giornale kuwaitiano Al-Qabas ha pubblicato un rapporto spaventoso che qualcuno vicino al re giordano Abdullah stava progettando un colpo di stato. Poco dopo, Abdullah ha licenziato il suo capo dell'intelligence, Adnan al-Jundi, e ancora prima aveva licenziato diversi aiutanti e funzionari a lui vicini in quella che ha definito una "riorganizzazione della corte".

All'epoca, sembrava che il re avesse sventato un tentativo di colpo di stato all'ultimo minuto. Ma gli analisti arabi hanno detto che questi passi risonanti erano in realtà destinati a placare l'opinione pubblica giordana dopo un periodo di grandi proteste durante il quale i manifestanti non solo hanno chiesto posti di lavoro, tagli alle tasse e una guerra alla corruzione, ma hanno anche assalito il re e chiesto la sua cacciata.

Anche oggi, i media giordani, controllati dal regime, preferiscono la storia ufficiale, secondo la quale gli arresti di circa 25 alte personalità della famiglia reale, dell'esercito e delle élite politiche erano destinati a sventare un tentativo di colpo di stato da parte del principe Hamzah, fratellastro di Abdullah, insieme all'ex consigliere Bassem Awadallah; il cugino del re, Sharif Hassan bin Zaid, e diversi leader tribali.

Il sito web egiziano Arabi21, che è sostenuto dal Qatar, è andato anche oltre, riferendo, sulla base delle sue fonti, che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti erano partner nel tentativo di colpo di stato e forse anche i suoi istigatori. Queste speculazioni dovrebbero essere prese con un granello di sale. Ma il rapporto di Hamzah con il re si inasprì significativamente nel 2004, quando Abdullah decise di spodestarlo come principe ereditario per lasciare la posizione aperta a suo figlio, il principe Hussein, che fu nominato quattro anni dopo.

Hamzah, che ora è agli arresti domiciliari, è il figlio della regina Nour, la quarta moglie del defunto re Hussein. Per Nour, l'estromissione del figlio dalla strada che porta alla regalità è stato un duro colpo i cui riverberi ancora riecheggiano.

Già in agosto, per esempio, il principe Ali, un altro dei fratellastri di Abdullah (e il figlio della regina Alia), ha twittato una dura denuncia dell'accordo di pace tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti, sfidando la politica del re di minimizzare le critiche. Noor ha poi ritwittato il suo tweet.

Domenica, Nour ha twittato che sta "pregando che la verità e la giustizia prevalgano per tutte le vittime innocenti di questa malvagia calunnia". In altre parole, non sta comprando la storia di un tentativo di colpo di stato da parte di suo figlio contro suo fratello. Hamzah ha detto dopo la sua estromissione da principe ereditario che era fedele ad Abdullah e si considerava un soldato al servizio del re, mentre Ali ha cancellato il suo tweet contro l'accordo di pace. Ma non c'è amore perso tra i membri di questa famiglia. Anche la relazione di Awadallah con il re ha avuto i suoi alti e bassi. Ha servito come consigliere senior di Abdullah fino al 2010, quando è stato estromesso insieme all'allora capo dell'intelligence Mohammed al-Dahabi, sospettato e alla fine accusato di corruzione.

 Awadallah ha sia la cittadinanza saudita che giordana, ed è diventato molto vicino al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. È persino diventato il consigliere economico del principe e ha partecipato alla pianificazione della "città del futuro" di Mohammed, Neom. Inoltre, ha stretto forti legami con il principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed ed è stato anche nominato nel consiglio di amministrazione dell'Università di Dubai. Questi legami sono ciò che ora alimenta i sospetti che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti siano coinvolti nel complotto. Per inciso, entrambi i paesi hanno rapidamente rilasciato dichiarazioni agitate di sostegno ad Abdullah e al suo regno. È vero che le relazioni della Giordania con l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti non sono al loro meglio; tutt'altro. Abdullah sospetta che l'Arabia Saudita voglia rubargli il controllo dei luoghi santi di Gerusalemme, specialmente il Monte del Tempio, anche se il trattato di pace giordano-israeliano garantisce alla Giordania uno status speciale. Riyadh, da parte sua, ha un conto aperto con Abdullah per il suo rifiuto di permettere attacchi aerei contro la Siria dal suo territorio. Questo ha portato a un lungo congelamento degli aiuti sauditi alla Giordania.

Gli EAU sono considerati uno stretto alleato della Giordania, e Abdullah ha una stretta relazione con Mohammed bin Zayed. Ma l'accordo di pace degli Emirati Arabi Uniti con Israele, sul quale Abdullah non è stato nemmeno consultato, ha minato la strategia della Giordania di condizionare qualsiasi espansione dei legami israelo-arabi a una soluzione del conflitto israelo-palestinese. Il viaggio previsto dal primo ministro Benjamin Netanyahu negli Emirati Arabi Uniti il mese scorso, che è stato annullato all'ultimo minuto perché la Giordania si è opposta all'apertura del suo spazio aereo all'aereo emiratino che avrebbe dovuto portarlo ad Abu Dhabi, all'inizio sembrava creare tensioni tra lo stato del Golfo e la Giordania. Ma alla fine, questa decisione ha effettivamente fornito a Mohammed bin Zayed una scappatoia da una visita che avrebbe potuto coinvolgerlo nelle elezioni di Israele.

La paura dei colpi di stato è comune nella maggior parte dei regni e degli emirati del Medio Oriente, e l'epurazione dei ranghi, l'estromissione degli alti funzionari e la sostituzione dei governi sono strumenti usati abitualmente anche dalle autocrazie che non hanno famiglie reali. Ma l'Arabia Saudita è considerata il campione quando si tratta di epurazioni e di prevenire gli intrighi familiari. Mohammed bin Salman non ha esitato a mettere sua madre agli arresti domiciliari, arrestare principi e nobili e spodestare persone "sospettate" di sovversione contro di lui.

In Giordania, il sistema è diverso. Poco dopo essere stato incoronato re nel 1999, Abdullah ha detto che non aveva intenzione di adottare la politica di suo padre di cambiare i governi come i calzini. Questa promessa è stata rapidamente violata, e ha cominciato a sostituire primi ministri e ministri anche più frequentemente di re Hussein.

Da allora, sono passati più di 20 anni, e il re che una volta simboleggiava una nuova generazione di governanti arabi - insieme al re del Marocco, l'emiro del Qatar e il presidente siriano, tutti saliti al potere più o meno nello stesso periodo - è diventato un re maturo ed esperto. È riuscito non solo a sopravvivere, ma a formare coalizioni arabe e internazionali che lo sostengono.

Eppure il suo successo personale non ha portato a grandi guadagni per il regno. Alla fine di marzo, la Giordania ha ottenuto una lode moderata dal Fondo Monetario Internazionale, che ha previsto che il prodotto interno lordo del regno sarebbe cresciuto del 3,6% quest'anno. Ma questa crescita è criticamente dipendente dagli aiuti e dalle donazioni straniere.

Il coronavirus ha devastato l'economia della Giordania e il suo bilancio statale. Migliaia di imprese hanno chiuso, il tasso di disoccupazione ufficiale è salito oltre il 25%, gli 1,3 milioni di rifugiati presenti stanno contribuendo con la loro parte considerevole agli oneri economici del paese e le manifestazioni continuano nelle strade, anche se rimangono molto più piccole delle proteste di massa del 2019. Queste, piuttosto che le trame golpiste, sono dove si trova la vera minaccia alla stabilità della Giordania”.

Ecco perché il tentato golpe è molto più di un affare di famiglia.