Liz Cheney sfida Trump: "Non rinnego l'impeachment. Il partito non è il tuo feudo"

Cheney è la figlia dell'ex vice presidente Dick Cheney e un punto fermo dell'establishment del partito, ed è vista come desiderosa di salire ancora più in alto nella gerarchia del Gop di Washington.

Repubblicani trumpiani contro Liz Cheney

Repubblicani trumpiani contro Liz Cheney

Umberto De Giovannangeli 4 febbraio 2021

Fuga dal Gop che Trump ha “QAnonizzato”. Globalist ne ha scritto riportando una inchiesta della Reuters. Ora si aggiunge un nuovo capitolo della faida interna al Partito repubblicano. 


Scontro frontale


I repubblicani della Camera hanno deciso mercoledì di stare con due legislatori Gop che hanno polarizzato il partito, votando per mantenere il rappresentante Liz Cheney come loro leader n. 3 e dicendo che avrebbero combattuto una spinta democratica per cacciare il rappresentante Marjorie Taylor Greene dalle sue commissioni.


In un voto segreto di 145 a 61, i repubblicani della Camera hanno respinto in modo schiacciante una ribellione dei conservatori di destra per far fuori Cheney R-Wyo, dalla leadership dopo che il mese scorso ha votato per l'impeachment dell'allora presidente Donald Trump. Trump aveva chiesto ai membri della Camera di rimuovere Cheney.


Ore prima, dopo che i democratici avevano fissato un voto della Camera per giovedì che avrebbe rimosso la Greene dalle sue commissioni, il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy li ha attaccatI per questo. I suoi commenti indicavano che stava respingendo le richieste bipartisan che la repubblicana della Georgia, esponente della destra più dura, fosse punita per il suo sostegno online di  opinioni razziste e violente e bizzarre teorie cospirazioniste. 


La Speaker della Camera Nancy Pelosi si è scagliata contro McCarthy per essere stato dalla parte di Greene: "Dopo diverse conversazioni e letteralmente scappando dai giornalisti, il leader della minoranza Kevin McCarthy (Q-CA) ha chiarito che si rifiuta di prendere provvedimenti contro la teorica della cospirazione Marjorie Taylor Greene", ha dichiarato Pelosi in un comunicato stampa. "(Q-CA)" era un'apparente presa in giro della volontà di McCarthy di permettere alle teorie di cospirazione infondate di QAnon di non essere controllate da un membro della sua conferenza.


Greene avrebbe parlato durante la riunione della conferenza affermando che "alcune delle sue osservazioni erano state travisate, ma scusandosi per la sua precedente promozione di QAnon", il che le avrebbe fatto guadagnare una standing ovation durante la riunione a porte chiuse.


Le decisioni su Greene e Cheney hanno sottoposto il Gop a un test politicamente dilaniante della sua direzione mentre si muove oltre la presidenza Trump. Da quando Trump ha lasciato a malincuore la Casa Bianca il mese scorso, il partito è andato ideologicamente alla deriva, mentre ha lottato per decidere se proseguire sulla strada dellaradicalizzazione  che distrugge le norme o i valori conservatori più tradizionali e orientati alla politica del partito.


Ma come si è concluso lo showdown interno di mercoledì, McCarthy e il Gop della Camera hanno deciso di non punire due delle loro donne di più alto profilo, le cui opinioni fanno infuriare le estremità opposte dello spettro del partito. Le mosse erano tipiche della preferenza di McCarthy di evitare di arruffare le piume mentre traccia il suo percorso per diventare un giorno speaker della Camera.


"Sapete cosa significherà?", ha detto ai giornalisti dopo la lunga riunione serale. "Tra due anni, conquisteremo la maggioranza. Questo perché questa conferenza è più unita. Abbiamo il giusto gruppo dirigente alle spalle".


Ma ognuna delle ali del Gop rimane preoccupata che l'altra li stia portando sulla strada sbagliata, e ad alcuni, il risultato della giornata è sembrato più una tregua scomoda che un trattato di pace completo.


"Questo riguarda la direzione del nostro partito e se saremo o meno una maggioranza dedicata ad una sola persona o saremo una maggioranza repubblicana unita", ha detto il rappresentante Jaime Herrera-Beutler, R-Wash, che con Cheney era tra i soli 10 repubblicani della Camera a sostenere l'impeachment di Trump.


La sfida di Liz


Cheney è la figlia dell'ex vice presidente Dick Cheney e un punto fermo dell'establishment del partito, ed è vista come desiderosa di salire ancora più in alto nella gerarchia del Gop di Washington.


Deporla dalla leadership avrebbe probabilmente inferto un colpo devastante alla sua carriera. Sarebbe anche servito come un colpo di avvertimento ai tradizionali repubblicani conservatori che sperano di diminuire la presa di Trump sul partito.


"Non mi scuserò per il voto", ha detto Cheney ai suoi colleghi nella sessione a porte chiuse, secondo una persona familiare con la sessione che ha parlato a condizione di anonimato per discutere l'incontro privato.


Durante una pausa nella sessione, McCarthy ha detto ai giornalisti di aver difeso Cheney all'interno.


"Le persone possono avere differenze di opinione. E' su questo che si può avere una discussione. Liz ha il diritto di votare secondo  coscienza", ha detto McCarthy, che in precedenza non aveva dato alcun segnale chiaro sul fatto che avrebbe sostenuto la Cheney.


I partecipanti hanno detto che Greene e le teorie cospirazioniste che ha abbracciato sono venute fuori durante la riunione a porte chiuse, che i partecipanti hanno descritto come molto animata, con lunghe file di altoparlanti ai microfoni. Alcuni hanno detto che Greene si è scusata con i suoi colleghi, anche se ci sono state versioni contrastanti e vaghe di ciò che aveva detto esattamente.


"Era contrita. E penso che abbia portato molte persone dalla sua parte", ha detto il rappresentante conservatore Thomas Massie, R-Ky.


Il film della giornata è iniziato quando il Comitato per le regole della Camera guidato dai Democratici ha spianato la strada per il voto di giovedì che punisce Greene. Dopo quella riunione, McCarthy ha rilasciato una dichiarazione dicendo che i democratici stavano "scegliendo di alzare la temperatura" tentando una "presa di potere partigiana".


Ha condannato le passate approvazioni di Greene alle teorie del complotto - dopo settimane in cui ha detto poco di critico nei suoi confronti - e ha detto che la deputata di primo mandato ha riconosciuto in una conversazione privata che deve soddisfare "uno standard più elevato" come legislatore.


"La ritengo responsabile della sua parola, così come delle sue azioni in futuro", ha detto McCarthy.


Greene ha mostrato di sostenere gli appelli alla violenza contro i democratici, le bizzarre finzioni sulle finte sparatorie nelle scuole e le teorie infondate di QAnon sui democratici che si uniscono a gruppi di abusi sui bambini.


Il presidente del comitato per le regole Jim McGovern, D-Mass, ha detto che i legislatori avrebbero inviato "un messaggio terribile" se non avessero preso provvedimenti su Greene. "Se questo non è il fondo, non so cosa diavolo sia", ha detto McGovern.


Circa due terzi dei repubblicani della Camera hanno votato per sostenere lo sforzo di Trump di ribaltare la sua perdita elettorale di novembre - solo poche ore dopo l'assalto dei suoi sostenitori al Campidoglio il 6 gennaio che ha portato al suo impeachment per incitamento all'insurrezione.


Tuttavia, il leader della minoranza del Senato Mitch McConnell, R-Ky, e altri senatori del Gop hanno criticato Greene, riflettendo le preoccupazioni che la sua ala del partito non può vincere le gare statali al Senato.


Nonostante il sostegno di McCarthy, un voto della Camera sui ruoli del comitato di Greene era previsto essere un calvario politico per molti repubblicani. Li costringerebbe ad andare sul disco difendendo o punendo la Greene impenitente, social media-savvy.


Ha fatto irruzione sulla scena politica nazionale dopo appena un mese di mandato e con il sostegno entusiasta di Trump. Anche durante lo sforzo di punirla, si è scagliata contro i democratici e ha raccolto denaro sulla controversia.


I repubblicani hanno nominato Greene al comitato per l'istruzione e il lavoro, una decisione che ha attirato critiche particolarmente dure a causa dei suoi suggerimenti che le sparatorie di massa nelle scuole del Connecticut e della Florida potrebbero essere bufale. Greene è anche nel Comitato per il Bilancio.


McCarthy ha detto che i democratici hanno rifiutato la sua offerta di spostare Greene sul comitato delle piccole imprese della Camera.


È insolito per i leader del partito “spogliare” i legislatori degli incarichi di commissione, che possono aiutarli ad affrontare le esigenze dei loro distretti e raccogliere contributi per la campagna.


Nel 2019, i leader del Gop della Camera hanno rimosso il rappresentante Steve King, R-Iowa, che aveva una storia di commenti razzisti, dai pannelli dell'agricoltura e della magistratura dopo aver chiesto ad alta voce in una storia del New York Times su quando il termine "suprematista bianco" è diventato offensivo. Ha perso le primarie repubblicane per il suo posto nel 2020 ed è fuori dal Congresso dopo aver servito nove mandati. In video online e attraverso i "mi piace" di sostegno sui social media, Greene ha espresso il sostegno per le convinzioni razziste, gli inviti alla violenza contro Pelosi e l'ex presidente Barack Obama e altre false teorie.


Il Senato prevede di iniziare il processo di impeachment di Trump la prossima settimana. In un voto procedurale, tutti i senatori del Gop, tranne cinque, hanno votato per affossare il procedimento, sostenendo che la sua condanna è improbabile.


Di certo c’è la resa dei conti all’interno del Partito repubblicano. “Non lascerò che venga conquistato dagli estremisti”. E’ la sfida che Liz Cheney ha lanciato a Donald Trump: “Il Gop non è un tuo feudo”.