Operazione anti terrorismo a Londra: arrestati e rilasciati un cittadino italiano e uno del Kuwait

Il volo, scrive la Bbc, è stato intercettato da aerei da caccia Typhoon della Royal Air Force.

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 31 agosto 2020

Sono stati rilasciati i cittadini italiano e kuwaitiano fermati dopo l'arrivo all'aeroporto londinese di Stansted provenienti da Vienna perché considerati implicati in un allarme sicurezza durante il volo. Fermati dalle forze della polizia antiterrorismo dopo che il loro aereo era stato intercettato e scortato a Stansted dai caccia Typhoon della Raf, i due sono stati liberati dopo che le forze di sicurezza li hanno ascoltati. Nessuno dei due risulta implicato in reati. L'allarme era stato lanciato dal pilota dell'aereo.


Le forze della polizia avevano annunciato di aver arrestato due persone, un cittadino italiano di 48 anni ed un kuwaitiano di 34, al loro arrivo all'aeroporto londinese. Secondo la Bbc l'aereo era stato intercettato da caccia Typhoon della Raf a seguito di notizie riguardanti presunte minacce alla sicurezza a bordo.


I due sospetti fermati viaggiavano a bordo di un volo Ryanair. "In linea con le procedure, il capitano ha informato le autorità del Regno Unito ed ha proseguito il volo verso Londra Stansted, dove il velivolo è atterrato normalmente e si è fermato in un'area isolata dove i passeggeri sono scesi in sicurezza", aveva reso noto un portavoce della compagnia.


Il pilota aveva lanciato l'allarme poco dopo le 19 di ieri per un presunto oggetto sospetto ritrovato in uno dei bagni dell'aereo. Immediatamente si erano levati in volo da Coningby, nel Lincolnshire, i caccia della Raf che avevano poi accompagnato l'aereo passeggeri della Ryanair fino a Stansted. "A seguito di un esame condotto dagli investigatori, l'oggetto non è risultato a rischio. Gli ufficiali hanno parlato con i due fermati e nessuno di loro risultava aver commesso alcun reato", è stato reso noto.