Israele, lo spettro della guerra civile e il piromane Netanyahu

La tensione nel Paese è alle stelle e, stavolta, non per una minaccia esterna.

Netanyahu

Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 27 luglio 2020

Israele, ed ora c’è chi paventa il rischio di una guerra civile. La tensione nel Paese è alle stelle e, stavolta, non per una minaccia esterna. Lo Shin Bet, il servizio di sicurezza interno israeliano, ha rivisto parti del suo protocollo per proteggere il primo ministro Benjamin Netanyahu e la sua famiglia nelle ultime due settimane, in risposta alle crescenti proteste fuori dalla residenza ufficiale del primo ministro in Balfour Street a Gerusalemme e alle tensioni tra manifestanti, polizia e sostenitori di Netanyahu. Anche i funzionari dello Shin Bet sono preoccupati per i violenti attacchi contro i manifestanti anti-Netanyahu degli ultimi giorni.


Mentre lo Shin Bet ha istituito, in linea di principio, una politica di massima sicurezza senza compromessi per il primo ministro dopo l'assassinio di Yitzhak Rabin, la moltitudine di manifestazioni nei pressi della residenza in Balfour Street (e un sabato sera vicino alla casa della famiglia Netanyahu a Caesaera) ha imposto alcuni cambiamenti. Il motivo è la presenza quasi costante di decine, anche migliaia di persone di notte, di manifestanti anti-Netanyahu vicino alle sue residenze. Normalmente queste persone sarebbero state sottoposte a screening o interrogate, anche se ci sono agenti della sicurezza e barriere che separano i dimostranti dai Netanyahu.


Allarme rosso


I funzionari dello Shin Bet non hanno avuto segnali  di tentativi di fare del male a Netanyahu o alla sua famiglia. Tuttavia, sono preoccupati che ci possa essere quello che descrivono come un incidente di sicurezza senza alcun preavviso, che potrebbe portare a uno scontro violento nei pressi della residenza del primo ministro. 


Ci sono stati alcuni incidenti negli ultimi giorni in cui tifosi della squadra di calcio estremista Beitar Jerusalem, nota come “La Familia”, hanno attaccato violentemente i manifestanti mentre lasciavano le manifestazioni a Gerusalemme. Sabato sera, una persona ha spruzzato spray al pepe contro i dimostranti anti-Netanyahu all'incrocio di Ramat Gan, mentre altri hanno picchiato i manifestanti all'incrocio di Sha'ar Hanegev a sud. Uno dei manifestanti è stato pugnalato al collo. Due sospettati degli attacchi sono stati arrestati domenica.


Finora è stata la polizia a indagare sugli attacchi, in quanto sembrano essere incidenti individuali, apparentemente senza premeditazione o pianificazione segreta. Tuttavia, lo Shin Bet è allarmato dalla cosiddetta violenza ideologica, manifestata da dichiarazioni radicali a sostegno della violenza, apparse da tempo sui social media. La divisione ebraica del servizio è coinvolta nel tracciare questi eventi e nell'analizzare le tendenze che emergono dagli incidenti e dalle manifestazioni di piazza, e i rischi di violenza che ne derivano. 


La settimana scorsa il ministro degli Interni Arye Dry ha scritto al capo dello Shin Bet, Nadav Argaman, per esprimere la sua preoccupazione per i presunti incitamenti a “colpire” Netanyahu. Argaman ha risposto in una lettera che il quotidiano Israel Hayom ha pubblicato affermando che lo Shin Bet "sta facendo tutto il possibile per portare a termine la sua missione e per fornire al primo ministro una protezione ottimale". Argaman ha scritto: "Oltre alla responsabilità attribuita al personale di sicurezza del servizio, credo che i funzionari pubblici eletti da tutto lo spettro politico abbiano anche la responsabilità, anche in tempi di conflitto ideologico e di differenze politiche, di evitare l'accesa retorica che potrebbe essere interpretata da certi gruppi o individui come legittimazione dell'uso della violenza illegale, che potrebbe, il cielo non voglia, portare a un attacco fisico".


“Netanyahu reagisce alla protesta montante nel modo che gli è più congeniale, demonizzandola – dice a Globalist Yael Dayan, scrittrice, più volte parlamentare laburista, già vice sindaca di Tel Aviv e figlia di uno dei miti d’Israele, l’eroe della Guerra dei Sei giorni, il generale Moshe Dayan -. Netanyahu non conosce la parola autocritica e per lui vale il motto ‘o con me o contro di me’, e coloro che sono contro di lui, vengono indicati come traditori, golpisti e nemici d’Israele. Il suo è un comportamento pericoloso – avverte Yael Dayan – che tende a spaccare il Paese e a creare un clima infuocato, come quello che portò all’assassinio di Yitzhak Rabin da parte di un estremista di destra”. Da scrittrice, Yael Dayan regala a Globalist una definizione di Benjamin “Bibi” Netanyahu: “Un avvelenatore dei pozzi della democrazia”.


L’analisi di Shalev


Ad aiutarci a inquadrare al meglio l’estate infuocata d’Israele è una delle firme di punta di Haaretz: Chemi Shalev. 


“Il movimento di protesta contro Benjamin Netanyahu ha subito cambiamenti drammatici nelle ultime settimane – rileva Shalev -. L'età media dei manifestanti è diminuita di decenni. Il numero di proteste e di partecipanti si è moltiplicato. Le proteste sono state pervase di energia, di urgenza e di una ritrovata volontà di affrontare a testa alta la polizia, anche a rischio di arresto o di ferimento”.


“Le proteste in aumento – prosegue il giornalista e scrittore israeliano - sono una diretta conseguenza dell'incapacità del governo di prevenire l'allarmante rinascita dell'epidemia di coronavirus e, in particolare, dei suoi lugubri pacchetti di assistenza economica. Sebbene la maggior parte degli israeliani soffra per il rallentamento dell'economia, i giovani israeliani, molti dei quali sono imprenditori indipendenti, sono stati colpiti in modo particolarmente duro. La prospettiva dell'insolvenza o di essere costretti a dipendere ancora una volta dai genitori ha spinto molti di loro a scendere in strada”.


Chiediamo a Shalev come giudica la risposta di Netanyahu alla piazza in fermento e a un crescente malessere sociale. 


“Netanyahu - risponde Shalev - non può che biasimare se stesso per aver alimentato le grida di protesta e gli scatti di adrenalina che hanno galvanizzato le proteste nelle ultime settimane. L'insistenza di Netanyahu nell'ottenere benefici fiscali personali proprio quando la diffusione del coronavirus ha raggiunto nuovi picchi ha scatenato ondate di disgusto e di rabbia. I suoi ridicoli sforzi per descrivere i manifestanti come ‘anarchici’, insieme a quelli che sono visti come sforzi eccessivamente zelanti della polizia per disperdere e arrestare i manifestanti, hanno portato l'indignazione a livelli altissimi e hanno spinto chi era rimasto finora indifferente e soprattutto tanti  giovani israeliani a protestare a Gerusalemme, Tel Aviv, Cesarea e attraverso centinaia di ponti in tutto il Paese. Le manifestazioni di sabato sera non sono state solo le più grandi registrate dai disordini sociali del 2011, ma hanno anche visto sporadici ma minacciosi attacchi ai manifestanti da parte di squadristi di destra. L'accoltellamento di un manifestante nei pressi di Beer Sheva, i resoconti di spruzzi di pepe da un veicolo di passaggio e le segnalazioni di agguati premeditati di manifestanti che tornano a casa possono dare ulteriore energia al movimento di protesta - ma anche sollevare lo spettro di uno scontro fatale che potrebbe infiammare il pubblico e cambiare il corso della storia. Netanyahu non è riuscito a radunare migliaia di supporter per manifestare in suo favore, mandando invece i fanatici violenti tra i suoi seguaci a tentare la violenza e lo spargimento di sangue. La comparsa di violenti contromanifestanti di destra è vista come direttamente collegata all'incitamento di Netanyahu. Come è sua abitudine, Netanyahu cerca di sfruttare le proteste per seminare divisione e conflitti, radunare le sue truppe alle sue spalle e spostare l'attenzione dell'opinione pubblica dal suo triste primato nel gestire l'epidemia e il crollo economico alla conclamata minaccia di un putsch antidemocratico e di sinistra. Come Donald Trump a Portland, Oregon, Netanyahu cerca di dipingere le proteste come una minaccia alla stabilità, invocando la necessità di una forte azione ‘legge e ordine’ che le metta a tacere.


Un primo ministro più freddo e più fermo – rimarca ancora l’analista di Haaretz - avrebbe potuto cercare di disinnescare le proteste ‘abbracciandole’ o, quanto meno, ignorandole. Netanyahu, tuttavia, non è solo paranoico per natura e dato all'isteria di fronte a sfide inaspettate, ma si batte anche per la sua vita politica e forse anche per la libertà personale. In sé e per sé, le proteste non hanno il potere di togliere il posto al primo ministro e quindi non rappresentano una minaccia diretta al mantenimento del governo di Netanyahu. Le sue stesse reazioni sconclusionate, tuttavia, rischiano di gonfiarne le dimensioni e l'entità per includere pezzi più grandi del suo stesso elettorato. Le proteste stanno già attirando una iper copertura mediatica, creando un'atmosfera di malcontento e instabilità che aggrava l'insoddisfazione crescente del pubblico nei confronti della performance complessiva di Netanyahu. Con i sondaggi che indicano un calo precipitoso dei voti di Netanyahu, il suo primato nei sondaggi elettorali è stato cancellato, vanificando i suoi piani per una votazione a scrutinio segreto o, quanto meno, rendendoli una scommessa pericolosa. Con le spalle al muro, le reazioni di Netanyahu alle manifestazioni sono destinate ad aumentare, stimolando le proteste che cerca di sottomettere. Se raggiungono una massa critica e incorporano un numero crescente di elettori scontenti del Likud, le proteste potrebbero sconvolgere i politici più anziani, soprattutto a destra. La coalizione di Netanyahu, già in fibrillazione per le tensioni con Benny Gantz (ministro della Difesa e leader del partito centrista Blu e Bianco, ndr), potrebbe vacillare, minacciando Netanyahu personalmente, e tentandolo a distruggere la stessa democrazia israeliana. La rappresentazione di Netanyahu dei manifestanti come ‘anarchici bolscevichi’, insieme alle accuse infondate diffuse dai suoi tirapiedi, secondo cui le manifestazioni stanno diffondendo il coronavirus, sono attualmente prese come una banale spacconata politica di routine. Ma potrebbero anche preparare il terreno per Netanyahu per invocare i poteri di emergenza che gli sono stati recentemente conferiti dalla Knesset, per far cessare le proteste da parte dell'esecutivo e per ordinare alla polizia di disperderle con qualsiasi forza necessaria. Così, si arriverebbe a una forte repressione del diritto fondamentale di protesta e a una proliferazione di scontri violenti e potenzialmente fatali tra destra e sinistra. La conseguente rabbia pubblica potrebbe portare Israele sull'orlo della guerra civile. Il fatto che Israele sia guidato da un primo ministro in difficoltà, che si vede vittima di un complotto nefasto e che sempre più sembra aver perso il contatto con la realtà, rende tali visioni apocalittiche scenari potenzialmente realistici.


Netanyahu - conclude Shalev - è ora come un animale ferito, sempre più messo all'angolo e che si scaglia alla cieca contro quelli che addita come ‘persecutori’  Per quanto lo riguarda, il caos totale, la rottura dei controlli e degli equilibri e gli israeliani che si scontrano fisicamente, potrebbero essere proprio quello che il medico gli ha ordinato”.


Ma in questo caso, lo spettro della guerra civile diventerebbe realtà.