In Libia la tregua non regge, uccisi tre bimbi

La Turchia accusa Haftar. L'Italia preoccupata dalle violazioni

Libia

Libia

globalist 28 gennaio 2020
Si sgretola un po' alla volta la fragile tregua in Libia annunciata appena 10 giorni fa a Berlino con l'accordo, almeno sulla carta, dei due rivali Fayez al Sarraj e Khalifa Haftar, che ora si rimpallano la responsabilità delle violazioni. Già nei giorni scorsi si erano inseguite notizie dal terreno di attacchi mirati, ma oggi la guerra è tornata a mietere vittime nel peggiore dei modi: 3 bambini sono rimasti uccisi da colpi di artiglieria mentre stavano andando a scuola alla periferia di Tripoli.
Le continue violazioni hanno messo in allerta le cancellerie internazionali che si sono spese nella ricerca di una soluzione politica e avevano finora sperato in un cessate il fuoco duraturo. Al telefono coi ministri degli Esteri tedesco Heiko Maas e austriaco Alexander Schallenberg, Luigi Di Maio si è detto "profondamente preoccupato per le violazioni della tregua registrate nelle ultime ore", ribadendo che "l'unica strada è quella del dialogo, a cominciare dal prossimo incontro del Comitato militare libico".