Libia, l'azzardo calcolato di Haftar, il Generale bullo

L'uomo forte della Cirenaica e il Premier senza potere. In mezzo, uno Zar che vuole conquistare l’Africa e un Sultano che vuole avere una fetta importante della “torta” petrolifera.

Haftar

Haftar

Umberto De Giovannangeli 14 gennaio 2020
Il Generale bullo e il Premier senza potere. In mezzo, uno Zar che vuole conquistare l’Africa e un Sultano che vuole avere una fetta importante della “torta” petrolifera. Ai bordi del campo, una Europa che parla, parla, fa missioni, indice conferenze, ma che alla prova dei fatti conta poco o nulla. Il caos libico in pillole.
Ci ha pensato tutta la notte. E tutta la notte ha trattato per modificare a suo vantaggio l’accordo già siglato dal suo nemico. Non ha ottenuto ciò che desiderava e alla fine la penna rimasta sul tavolo e la pax russo-ottomana non ha, al momento, il suo visto. Kalifa Haftar aveva chiesto un periodo di riflessione fino a questa mattina prima di firmare l'accordo formale di cessate il fuoco accettato dal suo rivale, Fayez al-Sarraj, ma alla fine ha lasciato Mosca senza firmare il documento negoziato sotto l'egida di Russia e Turchia...
Il cessate il fuoco annunciano da Mosca, resta in vigore a tempo indeterminato, fa sapere il ministero degli Esteri russo, ma la mancata validazione dell’intesa da parte del generale fa riprendere gli scontri a sud della capitale: secondo il sito al Wasat, colpi di artiglieria sono stati sparati nei sobborghi di Salah Al-Deen e Ain Zara, nella capitale libica.

Per Vladimir Putin è uno smacco difficile da digerire. Ma lo “Zar” non è uno che si arrende. E’ certo che rilancerà Il generale Haftar “ha accolto positivamente” l’intesa su una tregua in Libia “ma prima di firmare gli servono due giorni per discutere il documento con i leader delle tribù che sostengono l’Esercito nazionale libico”, dichiara il ministero della Difesa russo, ripreso dall’agenzia Interfax. Due giorni per firmare o sfidare l’uomo del Cremlino. Oltre ai guadagni geopolitici sui suoi rivali e all'accesso privilegiato al petrolio libico, la Russia spera di riconquistare questo mercato per le sue armi e il suo grano. Tanto più che Vladimir Putin ha l'ambizione di affermarsi in Africa. Anche la Turchia ha ambizioni petrolifere, grazie ad un controverso accordo con il governo libico di accordo nazionale che estende la piattaforma continentale turca e le permette di rivendicare lo sfruttamento di alcuni giacimenti.


Il Generale rilancia


Haftar ha affermato, secondo al- Arabiya, che il documento proposto ignora molte richieste del sedicente Esercito nazionale libico (Lna), di cui l’uomo forte della Cirenaica è il comandante in capo. Ieri sera Haftar aveva chiesto tempo fino a questa mattina per esaminare l'accordo già firmato dal capo del governo riconosciuto dall'Onu Fayez al-Sarraj, ma ha lasciato la capitale russa senza firmare, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Secondo i media arabi, il generale avrebbe rifiutato di firmare perché l'intesa avrebbe ignorato molte delle richieste del leader della Libia orientale. Secondo Sky News Arabia, nel corso dei colloqui di ieri a Mosca Haftar avrebbe insistito sulle richieste di far entrare le sue truppe a Tripoli e di formare un governo di unità nazionale che ricevesse il voto di fiducia da parte del parlamento di Tobruk. Il generale avrebbe anche chiesto un monitoraggio internazionale del cessate il fuoco senza la partecipazione della Turchia e chiesto il ritiro immediato dei mercenari "arrivati dalla Siria e dalla Turchia". Infine, avrebbe insistito sulla richiesta di avere l'incarico di comandante supremo delle Forze armate libiche.


Azzardo calcolato


Richieste che per Sarraj avevano l’acre sapore della capitolazione. Perché pretendere che la fiducia ad un nuovo governo di unità nazionale fosse votata, equivaleva a delegittimare il Governo di accordo nazionale, l’unico riconosciuto internazionalmente, che ha il voto di fiducia dell’unico parlamento riconosciuto dall’Onu, quello di Tripoli. Così come ricevere l’incarico di comandante supremo delle Forze armate libiche, significava che il generale avrebbe avuto sotto di sé anche le potenti milizie che sin qui l’hanno combattuto, a partire da quella di Misurata. Certo, quello del Generale bullo è un azzardo, ma un azzardo calcolato. Perché Haftar sa di poter contare sul sostegno, finanziario e militare, di Egitto, Emirati arabi, Arabia Saudita; un sostegno molto più pervasivo di quello garantito a Sarraj da Turchia e Qatar. Haftar, concordano analisti e diplomatici sollecitati da Globalist, sa bene che a un tavolo negoziale prima o poi dovrà sedersi, ma vuole farlo da vincitore e non da pari.


Gli appetiti arabi


Ma se Haftar ha abbandonato il tavolo è perché sa che la pax russo-ottomana non era accettata dai suoi sponsor arabi, tutti delusi dall'accordo raggiunto fra russi e i loro nemici turchi. L'Egitto, innanzitutto, che in Libia vorrebbe creare una sua succursale economica: con il controllo dell'economia rimasto al governo di Tripoli, i generali del Cairo avrebbero avuto difficoltà ad allargare le loro attività economiche a tutta la Libia. L'Egitto di Sisi vuole creare uno stato-vassallo in Libia, guarda alla Libia come un forziere. E metà Libia non è uguale alla Libia intera. Poi Arabia Saudita e soprattutto gli Emirati: hanno pagato e armato Haftar perché combattesse in Libia un governo che ha al suo interno i Fratelli Musulmani. Anche qui: se gli Emirati e i sauditi (i più radicali sono i primi) non raggiungono l'obiettivo di far terra bruciata del governo Sarraj, con l'aiuto della Turchia il governo di Tripoli sarebbe diventato il terzo vertice di un triangolo Libia-Turchia-Qatar che le monarchie del Golfo considerano una minaccia mortale.


Contro il Generale si è scagliato il Sultano di Ankara, che accusa l’uomo forte della Cirenaica, il “golpista”, di volere “compiere pulizia etnica” degli eredi dell’impero ottomano di cui “la Libia è stata una parte importante””, tuona Erdogan che oggi ha ricevuto Sarraj a Istanbul. Haftar ha rifiutato di firmare la tregua. Prima ha detto di sì, ma poi ha lasciato Mosca, è scappato, dimostrando la sua intenzione di voler continuare la guerra. Questo gesto mostra il suo vero volto. Se la Turchia non fosse intervenuta – ha continuato il presidente turco parlando ai deputati del suo Akp – avrebbe preso il pieno controllo della Libia.


D’altro canto, la tregua la massimo poteva ritenersi un passaggio e non certo l’obiettivo finale. Riflette in proposito Pietro Batacchi, direttore di RID (Rivista Italiana Difesa), tra i più autorevoli analisti militari italiani: “Le 2 parti dovrebbero trovare un più ampio accordo politico sul futuro del Paese. Un accordo che potrebbe pure limitarsi a sancire la situazione di fatto sul terreno, ovvero la divisione del Paese in 2. Un esito che tutti gli attori in questi mesi volevano evitare (a parole) ma che poi alla fine potrebbe costituire uno sbocco fisiologico, dovuto al sostanziale equilibrio sul campo sancito dalle armi. La Libia tornerebbe così alle origini – prima cioè che l’Italia la inventasse come tale: con una Tripolitania e una Cirenaica separate ed un Fezzan sostanzialmente autonomo ed anarchico. A prescindere da quello che accadrà, le ultime settimane di conflitto hanno dimostrato soprattutto una cosa. A differenza di quanto ripetuto come un mantra dall’Italia, la forza militare è stata decisiva. In Libia si è creata infatti una gigantesca situazione di fatto segnata dallo stallo e dall’incapacità delle 2 parti di superarsi e “riunificare” il Paese, mentre 2 attori esterni – Russia e Turchia – hanno incrementato il loro peso nella crisi grazie al supporto militare offerto ai 2 contendenti. I 700-800 consiglieri russi – spediti da Putin in Libia per inquadrare le sgangherate “armate” di Haftar ed assicurarsi una posizione di influenza in Cirenaica assieme all’alleato egiziano - ed i droni con qualche centinaia di miliziano jihadista siriano - inviati da Erdogna a dar manforte al maldanto Serraj per espandere la propria influenza in Cireniaca oltre l’”ottomana” Misurata – sono la dimostrazione che la politica del fatto compiuto, a fronte di uno scenario incerto e reso volatile dal “ripiegamento” americano, è un’opzione sempre più proficua. Chi non se ne rende conto, è perduto”.


Prossime mosse


Una cosa è certa: c’è solo un uomo che ha il potere di far “ragionare” il Generale bullo. E’ l’uomo di Mosca, Vladimir Putin. Se i russi lo hanno lasciato partire per la Libia, qualcuno avanza questa spiegazione: perché accelerare un processo e portare il frutto della mediazione russo-turca così velocemente alla conferenza di Berlino organizzata da tedeschi e Onu? Dare ancora un po' di tempo ad Haftar, parlare con Emirati, Egitto, Arabia Saudita non farà altro che permettere alla Russia di consolidare meglio il suo ruolo centrale nella partita della Libia. E in tutto il Medio Oriente.


Conte dal faraone


”Il fatto che non si sia sottoscritta l'intesa, che la componente di Haftar non l'abbia firmata, non deve distrarci, l'importante è che ci sia un cessate il fuoco sostanziale" in Libia. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte in visita al Cairo per incontrare il presidente egiziano al-Sisi. "Non escludiamo invio militari, ma solo in condizioni di sicurezza" "Non escludiamo affatto la possibilità" di mandare altri soldati italiani in Libia: "Ne discuteremo a Berlino e se ci saranno le premesse l'Italia è disponibile. Ma non manderemo uno solo dei nostri ragazzi se non in un contesto di sicurezza e con un mandato chiaro", ha aggiunto il premier. L'Italia ovviamente, se si tratta di dare ogni forma di contributo per la pacificazione è disponibile" ma "in questo momento non ha senso ragionare di ridislocamento, bisogna vedere le premesse. In un contesto chiaro e certo, l'Italia farà questa valutazione", ha spiegato Conte. Intanto, Il governo tedesco ha ufficialmente confermato l'organizzazione della conferenza della Libia domenica prossima a Berlino. L'ufficio del cancelliere, Angela Merkel, che ha diramato gli inviti, ha precisato che sono attesi rappresentanti in arrivo da Stati Uniti, Russia, Cina, Francia, Turchia, Regno Unito, Emirati, oltreché Italia. Saranno presenti anche Onu, Ue e Lega Araba. Al vertice sono stati anche invitati i capi delle due fazioni rivali, il premier del Gna libico, Fal-Serraj e il generale Haftar.


Ma come fu per la inutile Conferenza di Palermo del novembre 2018, anche per quella di Berlino l’attesa è tutta sulla presenza del Generale bullo. Ma a decidere se il Generale bullo sarà tra i presenti, non dipenderà certo da Conte o dalla cancelliera Merkel. Per informazioni, rivolgersi a Mosca e al Cairo.