Top

Trump conferma: ucciso anche il successore di Al Baghdadi

Il presidente americano non ha specificato a chi si riferisca, ma lunedì il Pentagono aveva confermato lʼuccisione di Abu al-Hassan al-Muhajir

Abu Bakr al-Baghdadi, anche il suo "sostituto numero uno" è stato ucciso
Abu Bakr al-Baghdadi, anche il suo "sostituto numero uno" è stato ucciso

globalist

29 Ottobre 2019 - 16.50


Preroll

Dopo Abu Bakr al-Baghdadi, anche il suo “sostituto numero uno” è stato ucciso dalle truppe americane. Lo ha confermato Donald Trump su Twitter: “Molto probabilmente avrebbe ricoperto il ruolo di guida dell’Isis. Ora anche lui è morto”. Il presidente americano non ha specificato a chi si riferisca, ma lunedì il Pentagono aveva confermato l’uccisione di Abu al-Hassan al-Muhajir, portavoce dell’Isis e figura di alto rango nel gruppo jihadista.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il raid durante il quale è stato ucciso al Baghdadi e, probabilmente, il suo successore, è partito dalla base irachena di Erbil, con un volo di appena 70 minuti, che ha portato la pattuglia aerea ad attraversare a bassa quota lo spazio aereo della Russia e della Turchia. Una volta arrivati sull’obbiettivo, gli elicotteri hanno sganciato due bombe.

Middle placement Mobile

La sorveglianza al leader dell’Isis, effettuata con l’aiuto delle forze dell’Sdf siriano, durava da almeno cinque mesi. Si trovava a due passi dal villaggio di Barisha e a poca distanza da Idlib. Con al Baghdadi, secondo quanto ricostruito, c’erano le mogli, due delle quali hanno attivato il corpetto esplosivo alla vista dei marines. Al Baghdadi avrebbe trascinato con sé i figli fino al vicolo cieco del tunnel nel quale si è fatto esplodere insieme a loro.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage