"Fottute musulmane andate via": ad Auckland minacciate due ragazze con l'hijab

Mentre la Nuova Zelanda è vicina alla comunità musulmana l'aggressione verbale verso due sorelle. Il razzismo si manifesta nononstante il cordoglio

Iqra e Asma le due sorelle insultate ad Auckland

Iqra e Asma le due sorelle insultate ad Auckland

globalist 17 marzo 2019

Mentre in Nuova Zelanda gran parte della popolazione sta mostrando vicinanza alla comunità musulmana, il razzismo che c’è nella pancia del paese (anche se meno presente che in tante altre nazioni) si è manifestato e due sorelle - Iqra e Asma di 21 e 18 anni - ’colpevoli’ di indossare l'hijab sono state insultate in una stazione ferroviaria di Auckland: “Tornare nel vostro paese fottuto”.



Un piccolo episodio che ha destato scalpore in un paese così turbato ed è stato raccontato con evidenza dalla stampa neozelandese.



Dopo la strage di Christchurch le due donne avevano deciso di uscire nonostante la comprensibile paura delle famiglie che avrebbero voluto rimanessero in casa.
Alla stazione sono state avvicinate da un uomo che che ha cominciato a urlare: “Cosa avete da guardare, io odio le ragazze, tornate nel vostro fottuto paese”. Ripetuto più volte.
Poi quando una delle sorelle ha preso il telefono per chiamare la polizia l’uomo ha ripreso insulti e minacce: “Vi filmerò, fottute brutte musulmane”.
Le ragazze ora sono molto spaventate e pensano di non indossare più l'hijab in pubblico a tutela della loro incolumità.
Hanno però trovato il coraggio di presentare una denuncia.