Nonostante la strage Trump minimizza i rischi del terrorismo razzista: "minaccia limitata"

Il miliardario xenofobo citato come esempio dal killer fascista di Christchurch fa spalucce: lui che tratta da terroristi milioni di persone

Donald Trump e Giuseppe Conte

Donald Trump e Giuseppe Conte

globalist 15 marzo 2019
Lui è un punto di riferimento dell’attentatore razzista di Christchurch che ne ha elogiato la sua politica in favore dei ‘bianchi’.
E l’uomo del ‘travel ban’ che considera potenziali terroristi milioni di persone solo perché arabi o musulmani o latino-americani, se si tratta di nazisti, fascisti e razzisti allora i pericoli sono minimi.
 Il nazionalismo bianco non è in aumento nel mondo, anche se può essere un problema in Nuova Zelanda: lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, rispondendo alla domanda di un giornalista sulla strage di Christchurch.
"Non credo proprio, credo sia un piccolo gruppo di persone, la minaccia è limitata" ha risposto Trump, affermando di non aver letto il manifesto in cui il presunto assassino denunciava gli immigrati ed elogiava il Presidente americano come "il simbolo di una rinnovata identità e comunità d'intenti bianca".
"E' un piccolo gruppo di persone che ha problemi molto seri, immagino. Se guardate a cosa è successo in Nuova Zelanda, forse è questo il caso. Non ne so abbastanza ma è certamente una cosa terribile", ha aggiunto.