Il 'manifesto' dello stragista di Christchurch: "Vendetta per l'invasione straniera in Europa"

Brenton Tarrant, nel suo manifesto di 74 pagine pubblicato online, si è presentato come un vendicatore, ma anche tirando in ballo eventi di secoli orsono

La strage di Christchurch in Nuova Zelanda

La strage di Christchurch in Nuova Zelanda

globalist 15 marzo 2019

Un delirio. Ma fino ad un certo punto. L'autore della strage in Nuova Zelanda ha detto più o meno quello che qualche partito che si presenterà alle elezioni europee dice impunemente da anni.


L'attacco contro le due moschee nella città neozelandese di Christchurch costato la vita ad almeno 49 persone è stato un atto di "vendetta contro gli invasori, per le centinaia di migliaia di morti causate da invasori stranieri sulle terre europee nella storia... per la schiavitù di milioni di europei prelevati dalle loro terre dagli schiavisti islamici... (e) per le migliaia di vite umane perse in attacchi terroristici in tutte le terre europee": lo ha scritto lo stesso autore della strage, Brenton Tarrant, nel suo manifesto di 74 pagine pubblicato online, secondo quanto riporta il sito australiano News.com.au.