Altri 5 sospetti jihadisti arrestati per l'uccisione delle turiste in Marocco

Sono 18 le persone che potrebbero essere coinvolte a vario titolo nell'orrenda fine di Louisa Vestergager Jespersen, danese di 24 anni e di Maren Ueland, svedese di 28.

I Jihadisti accusati della morte di Louisa Vestergager Jespersen e di Maren Ueland,

I Jihadisti accusati della morte di Louisa Vestergager Jespersen e di Maren Ueland,

globalist 25 dicembre 2018

Un luogo apparentemente tranquillo nel quale il virus jihadista è presente: altri cinque sospetti sono finiti in manette per l'omicidio delle due turiste scandinave a Imlil, alle pendici del monte Toubkal. Sale così a 18 il numero di persone che, secondo le indagini del Bcij, l'ufficio centrale di indagini giudiziarie, potrebbero essere coinvolte a vario titolo nell'orrenda fine di Louisa Vestergager Jespersen, danese di 24 anni e di Maren Ueland, svedese di 28.
Se le accuse fossero confermate, si profilerebbe una rete di malavitosi, secondo gli inquirenti «ispirata all'Isis» e «sotto l'influenza dell'emiro del terrore, Abu Bakr al Baghdadi», ma non direttamente collegata all'autoproclamato Stato islamico. È Abdelhak Khiame, il capo del Bcij, che lo ha affermato in un'intervista pubblicata nei giorni scorsi. Per i primi quattro arrestati è stato trovato un video nel quale i presunti assassini prestano giuramento all'Isis di cui si dicono «soldati».


Non ci sarebbero però al momento evidenze del fatto che l'omicidio sia stato commesso in coordinamento con i terroristi attivi in Siria, Iraq o Libia.