In Libia le milizie si accordano per un fragile cessate il fuoco

Nekl frattempo è impossibile per le motovedette della Guardia Costiera rifornirsi in Libia. Si teme che i trafficanti tornino a intensificare le partenze. Si parla di 50mila persone in attesa di salpare

Combattimenti in Libia

Combattimenti in Libia

globalist 4 settembre 2018

Una fragile tregua: l'Onu ha annunciato su Twitter il raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco tra le milizie libiche che si stanno scontrando a Tripoli. "Tutte le parti firmatarie si impegnano a trovare una soluzione politica, alla cessazione delle ostilità e alla creazione di un meccanismo che controlli il cessate il fuoco", si afferma in un testo di accordo in sette punti rilanciato dall'account Twitter del sito libico Al Ahrar.


Il pesante bilancio dei combattimenti


Secondo un ultimo bilancio, in nove giorni di combattimenti le vittime sarebbero almeno 61 e i feriti 159, ci sarebbero inoltre 12 persone che risultano "scomparse". "Se tutte le parti daranno prova di un vero e totale rispetto del cessate il fuoco, le Nazioni unite terranno un'altra riunione per esaminare i preparativi di sicurezza della capitale": è quanto scritto nel testo di intesa rilanciato dai siti Al-Ahrar e Alwasat. L'incontro si è svolto a Zauia (Zawiya), ha precisato Alwasat citando un componente del consiglio dei dignitari della città situata una quarantina di chilometri in linea d'aria a ovest di Tripoli.


Centinaia migranti in fuga da centro a Tripoli
Centinaia di migranti africani sarebbero fuggiti da un centro di detenzione nei pressi dell'aeroporto di Tripoli, approfittando del caos di queste ore. Ne dà notizia il sito della Reuters, citando fonti umanitarie secondo cui fino a 1.800 persone potrebbero aver abbandonato la struttura. Un video postato sui social media mostra lunghe file di africani, alcuni con buste di plastica in mano, incamminarsi via dal centro vicino all'ex aeroporto internazionale. Fonti del governo libico hanno però negato.


Francia: non siamo contro Italia, la sosteniamo 
"Gli sforzi della Francia non sono diretti contro nessuno, certamente non contro contro l'Italia, di cui sosteniamo l'iniziativa di organizzare una nuova conferenza su questo dossier importante per i due Paesi": lo ha detto il ministero degli Esteri della Francia rispondendo ai media transalpini dopo le critiche contro Parigi sul dossier libico mosse in primis dal vice premier e ministro dell'Interno Matteo Salvini.


Caos nella Guardia Costiera


L’accordo siglato dal governo Gentiloni è stato di fatto rinnovato dopo l’arrivo a Palazzo Chigi di Giuseppe Conte con la decisione di inviare a Tripoli le motovedette destinate alla Guardia Costiera locale. Ma la guerra civile per ora ha messo all’angolo il capo del governo libico Fayez Sarraj e la situazione appare ormai fuori controllo, anche perché sono saltati i presìdi che consentivano il pattugliamento della costa e le vie di accesso al mare.


La Libia è nel caos, ma l'Italia esclude un intervento militare e confida nel lavoro dell'Onu, puntando alla Conferenza internazionale per la stabilità nel paese africano che si terrà in autunno. Tripoli è da ore scenario di combattimenti a colpi di mortaio, all'indomani della proclamazione dello stato d'emergenza da parte del governo libico di Fayez al-Serraj, che ha anche chiesto aiuto a una potente milizia di Misurata per difendere il suo esecutivo dalle violenze che dal 27 agosto hanno causato almeno 47 morti e 129 feriti.


La Forza Antiterrorismo di Misurata guidata dal generale Mohammad al Zain è arrivata nella caserma Tajura alla periferia ovest di Tripoli con 300 fra blindati e 'tecniche' dotate di armi pesanti. L'auspicio dell'esecutivo di Serraj è che la sua presenza possa indurre la Settima Brigata di Tarhuna a fermare l'offensiva che anche ieri l'ha vista fronteggiare le milizie filo-governative nell'area di Alhadba Alkhadra, a 6 chilometri dal centro e dell'ambasciata italiana, che è stata parzialmente evacuata.


Nella rappresentanza rimangono alcuni diplomatici, tra cui il numero due della missione, Nicola Orlando, e l'addetto al servizio stampa, Steve Forzieri. "L'ambasciata deve essere pienamente operativa", sottolineano fonti della Farnesina, perché l'Italia ritiene importante "monitorare da vicino la situazione e seguirla minuto per minuto". 


Le speranze ora sono riposte nella mediazione dell'Onu: la missione Unsmil ha convocato i rappresentanti delle milizie per una riunione che si dovrebbe tenere oggi a mezzogiorno. L'obiettivo è aprire "un dialogo urgente sull'attuale situazione della sicurezza a Tripoli". Intanto, il ministero dell'Interno libico ha deciso di spostare la propria sala operativa a Gianzur, un centro abitato del distretto di Zawiya, distante 12 chilometri dalla capitale, e considerato più sicuro. Il ministro dell'Interno del governo di Accordo nazionale libico, Abdel Salam Ashour, ha emanato un'allerta per i quartieri di Ghut Shaal e Al Seyaheyya, zona ovest di Tripoli, e ha chiesto al direttore dell'apparato di sicurezza generale di "proteggere le due zone ed evitare che ci siano violazioni della sicurezza". Il timore è che gli scontri a sud della capitale possano raggiungere l'area che un tempo rappresentava il quartiere diplomatico in cui sorgevano diverse ambasciate. È stata confermata l'evasione di 400 detenuti dalla prigione di Ein Zara. Circa 300 migranti erano stati evacuati dall'Alto commissariato dei rifugiati dell'Onu da un centro di detenzione due giorni fa nella stessa località. L'accesso a Facebook è bloccato in tutto il paese. 


È una corsa contro il tempo per arrivare a una mediazione che eviti un'ulteriore escalation. La Settima Brigata di Tarhuna, milizia legata al signore della guerra Salah Badi, si è resa autonoma dal Governo di accordo nazionale di Sarraj e combatte per liberare Tripoli dalle altre milizie armate, accusate di corruzione. A fronteggiarla sono una serie di milizie che formano unità speciali dei ministeri dell'Interno e della Difesa del governo di Sarraj: le Brigate Rivoluzionarie di Tripoli, la Forza speciale di Dissuasione (Rada), la Brigata Abu Selim e la Brigata Nawassi, che ricevono finanziamenti dall'Ue.


L'Italia, fa sapere Palazzo Chigi, continua a seguire con "attenzione" l'evolversi della situazione sul terreno ed è tornata a chiedere, come già sabato insieme a Usa, Francia e Gran Bretagna, che cessino "immediatamente" le ostilità. Ed è l'intera diplomazia internazionale ad essere in allarme. A metà della giornata di ieri il governo italiano aveva smentito che fosse in preparazione un intervento dei corpi speciali, e tale posizione viene ribadita sia dal vice premier, Matteo Salvini, sia dal ministero della Difesa, Elisabetta Trenta. Poi, Roma se la prende con Parigi: "È innegabile che oggi il Paese si trova in questa situazione perché qualcuno, nel 2011, antepose i suoi interessi a quelli dei libici e dell'Europa stessa. Il presidente Fico ha ragione: la Francia, in questo senso, ha le sue responsabilità! Ma ripeto, ora bisogna remare tutti insieme per il bene e la pace del popolo libico", scrive su Facebook il ministro della Difesa. E Salvini: "chiedete a Parigi" se la Libia non è un porto sicuro per i migranti, dice, rispondendo ai giornalisti. 


La Farnesina, dal canto suo, continua a lavorare alla Conferenza internazionale: il capo della diplomazia italiana, Enzo Moavero, spiega una nota, "ha avuto questa sera una lunga conversazione telefonica con il Rappresentante Speciale del Segretario Generale Onu per la Libia, Ghassan Salameh, nel corso della quale ha appreso la sua valutazione sui recenti eventi e sulle azioni da lui intraprese per superare le tensioni e l'attuale fase di instabilità". Moavero e Salameh "si riparleranno nuovamente nei prossimi giorni". Inoltre, il capo della Farnesina "ha in programma una serie di contatti con i suoi omologhi dei Paesi maggiormente interessati alla crisi libica, anche in vista della preparazione della Conferenza Internazionale che il nostro Paese intende organizzare il prossimo autunno".


L'Ue, intanto, ha lanciato un appello a far tacere le armi, sottolineando che la soluzione ai conflitti può essere solo "politica". E' un'urgenza su cui l'Ue deve essere "concentrata", ha avvertito l'Alto rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini. E anche la Russia si dice "preoccupata: "Dispiace constatare che la situazione non solo non si è stabilizzata, ma tende anche a peggiorare", si legge in una nota del ministero degli Esteri; Mosca esorta "ancora una volta tutte le parti in conflitto a cessare le ostilità, a favorire il ripristino della calma nella capitale e nei suoi dintorni e a prendere tutte le misure per prevenire che il Paese piombi in un caos, gravido di conseguenze disastrose.