Cospirazione contro gli Usa: Mueller incrimina 13 cittadini russi

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze di Mosca alle elezioni: hanno aiutato Trump e screditato la Clinton

Robert Mueller procuratore speciale del russiagate e Trump

Robert Mueller procuratore speciale del russiagate e Trump

globalist 16 febbraio 2018

Caccia alle streghe? Tentativo di screditare Trump? O c’è davvero qualcosa di concreto? 
Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sul Russiagate, ha annunciato che un grand jury federale ha incriminato 13 cittadini russi e tre entità russe nell'ambito delle indagini sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali americane del 2016.
"Hanno coscientemente e intenzionalmente cospirato - si legge nel provvedimento - per truffare gli Stati Uniti con il proposito di interferire con i processi politici ed elettorali americani".
Nell'accusa si legge che queste persone o entità hanno "sostenuto la campagna presidenziale dell'allora candidato Donald J. Trump... e hanno screditato Hillary Clinton". L'annuncio dell'ufficio di Mueller sostiene che le accuse sono di cospirazione per truffare gli Stati Uniti, ma anche di frode bancaria e di furto di identità. Mueller sta indagando sui possibili collegamenti tra il governo russo e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.