Terrorismo, May: mi aspetto una revisione dell'operato di polizia e 007

Dopo gli attacchi di Manchester e del London Bridge polemiche sulle falle e nella prevenzione degli attacchi.

Polizia inglese

Polizia inglese

Desk2 6 giugno 2017

L'ultimo colpo alle forze dell'ordine inglesi arriva insieme al terzo nome del terrorista del London Bridge. L'italo marrocchino Youssef era infatti stato segnalato agli 007 inglesi. Dopo giorni di polemiche sui tagli fatti alla polizia quando era ministro degli interni, Theresa May scende in trincea. La premier si aspetta una revisione dell'operato di polizia e servizi segreti dopo le polemiche sulle falle dell'anti-terrorismo nel controllare uno degli attentatori di Londra. La premier britannica lo ha detto nel corso di un'intervista a Sky News affermando che auspica venga fatto come nel caso dell'attacco di Manchester, rispetto al quale l'MI5 ha avviato un'inchiesta interna per fare luce su possibili errori nella prevenzione della strage.


"Il MI5 e la polizia hanno già annunciato che faranno una revisione di come hanno gestito l'attacco di Manchester e mi aspetterei che facessero esattamente lo stesso in relazione all'attacco a London Bridge". È quanto ha detto la premier britannic a Sky News durante una visita a Bangor, in Galles. "Quello che il governo ha bisogno di fare, e quello che è necessario il governo che arriverà dopo le elezioni di giovedì voglia fare, è dare più poteri a polizia e servizi di sicurezza quando ne hanno bisogno, e quello di cui è necessario che il governo si occupi è la questione del terrorismo e dell'estremismo online, e ha bisogno di sfidare l'estremismo qui nel Regno Unito", ha detto ancora May.