La minaccia di attentati Isis dietro il divieto di tablet a bordo

I servizi segreti hanno scoperto un piano per introdurre negli aerei esplosivo attraverso i computer

Minaccia di attentati aerei dell'Isis

Minaccia di attentati aerei dell'Isis

globalist 22 marzo 2017

Si tratta di notizie che vengono dall'intelligence: da qualche fonte dentro i gruppi jihadisti o dal monitoriaggio che viene fatto attraverso internet e i satelliti delle loro attività: il divieto adottato dagli Usa di portare nella cabina passeggeri degli aerei provenienti da alcuni Paesi arabi di laptop e tablet è legato a informazioni di intelligence che indicano che l'Isis sta studiando un'operazione terroristica sugli aerei diretti negli Usa.

Lo ha raccontato la rete tv Usa Abc, secondo cui i jihadisti dello Stato islamico stanno cercando il modo di introdurre esplosivi sugli aerei nascondendoli nelle apparecchiature elettroniche. Citando fonti Usa, la rete tv afferma che queste informazioni sono "convalidate" e "credibili".
I voli diretti verso gli Usa di nove compagnie aeree che operano da dieci aeroporti in otto Paesi islamici sono oggetto del divieto deciso dal Dipartimento della sicurezza interna Usa, che non riguarda telefoni e apparecchiature mediche. Anche la Gran Bretagna ha adottato un divieto simile e il Canada ha annunciato che lo sta studiando.