Top

Jihadi John ucciso grazie alle informazioni degli 007 turchi

Ankara ha condiviso con i partner della coalizione anti-Is informazioni sul luogo in cui si nascondeva il jihadista, a Raqqa, consentendo il raid aereo che lo avrebbe ucciso.

<picture> Jihadi John, il 'tagliagole' britannico dello Stato islamico </picture>
Jihadi John, il 'tagliagole' britannico dello Stato islamico

Desk2

17 Novembre 2015


Preroll

L’operazione congiunta di Usa e Regno Unito del 13 novembre scorso in Siria, che avrebbe ucciso ‘Jihadi John’, il ‘tagliagole’ britannico dello Stato islamico, è stata eseguita sulla base di informazioni di intelligence fornite dai servizi turchi. Ankara ha condiviso con i partner della coalizione anti-Is informazioni sul luogo in cui si nascondeva il jihadista, a Raqqa, consentendo il raid aereo che lo avrebbe ucciso.

OutStream Desktop
Top right Mobile

In particolare, il Mit ha informato i servizi britannici su una ‘messaggera’ britannica dell’Is arrivata a Raqqa il 4 novembre. L’MI-6 ha rilevato contatti tra la donna e Jihadi John e ha trasmesso a sua volta l’informazione al Mit, che seguendo i movimenti della ‘messaggera’ a Raqqa ha scoperto il luogo in cui si nascondeva un compagno di Jihadi John, Aine Leslie Junior Davis.

Middle placement Mobile

Il Mit è anche riuscito a scoprire che Davis era in procinto di partire per l’Europa passando per la Turchia, per impartire ordini su attacchi terroristici. Il jihadista è partito da Raqqa il 7 novembre ed è entrato nel villaggio turco di Cildiroba, confinante con la città siriana di Kilis. Da qui ha raggiunto una ‘casa sicura’ a Gaziantep, dove è rimasto per due notti. Il 9 novembre è partito per Istanbul a bordo di un pullman ed è arrivato a destinazione il 10 novembre.

Dynamic 1

Il Mit ha seguito i suoi movimenti a Istanbul, fino a quando, il 12 novembre, lo ha arrestato insieme a quattro compagni in una casa del quartiere Silivri. Davis non ha risposto agli interrogatori dei servizi turchi, che però sono riusciti a ottenere informazioni importanti tramite il suo telefono cellulare.

Queste informazioni, condivise dal Mit con l’MI-6 e la Cia, hanno permesso di risalire al luogo in cui si trovava Jihadi John. I due paesi hanno inviato tre droni, due americani e uno britannico, che hanno individuato due uomini a bordo di un’auto, uno dei quali era il terrorista britannico. Due missili lanciati dai droni hanno colpito l’auto e, secondo l’intelligence degli Stati Uniti, hanno ucciso il jihadista.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage