Caos nel Barcellona: arrestati l’ex presidente Bartomeu e altri tre dirigenti

Gli arresti a seguito dell’indagine sul cosiddetto “Barçagate”, sul presunto dirottamento di fondi attraverso società che gestivano i social network del club

Josep Maria Bartomeu

Josep Maria Bartomeu

Globalsport 1 marzo 2021Globalsport

Ancora problemi per i blaugrana, questa volta però non si tratta di sconfitte più gravi, bensì di reati penali.

Secondo quanto riportato dalla testata Cadena Ser, questa mattina la polizia regionale della comunità autonoma catala, i Mossos d’Esquadra, sono entrati negli uffici del Camp Nou per perquisire la documentazione relativa al Barçagate.

È un’indagine che riguarda un presunto dirottamento di fondi attraverso le società che monitorano i social network della squadra: i sospetti dell’Area Centrale Reati Economici e Antiriciclaggio della Divisione Investigativa Penale dei Mossos stanno seguendo quest’operazione dal mese di luglio, da quando hanno richiesto informazioni in seguito alla firma del contratto con il conglomerato di società I3Ventures. 

In un primo momento, la polizia catalana ha riscontrato sospetti riguardanti la possibilità che il Barça avrebbe potuto pagare fino a sei volte il prezzo di mercato per quel contratto, dopodiché il tribunale 13 di Barcellona ha aperto un'indagine per i reati di amministrazione e corruzione tra privati, quando il club aveva assunto una società dedicata a screditare tutti gli avversari del presidente Josep Maria Bartomeu, o critici nei confronti della sua gestione, attraverso i social network.

Il metodo di pagamento a questa società è ciò che ha portato a un’indagine più approfondita sui conti del club, che è culminata con la perquisizione da parte dei Mossos questa mattina negli uffici del Camp Nou.

Al momento sono quattro i detenuti a seguito dell’operazioni, tutti nomi di spicco del club fra cui l’ex presidente Josep Maria Bartomeu, Òscar Grau (Ceo del Barça), Romà Gómez Ponti (Responsabile dei servizi legali del club) e Jaume Masferrer, fino a poco tempo fa, fidato consigliere di Bartomeu. 

Al momento i detenuti sarebbero ancora negli uffici, assieme agli agenti, per fornire tutta la documentazione relativa al caso.

In special modo sono coinvolte le aree finanziarie, legali e di conformità.