La variante delta manda all'aria la ripresa del turismo: piovono disdette

I dati della Confcommercio: quasi sei milioni di italiani dichiarano di avere già disdetto almeno una delle prenotazioni di servizi turistici fatte in precedenza

Vacanze

Vacanze

globalist 31 luglio 2021
Una delle cause indirette del dilagare della variante Delta è una dura mazzata al settore del turismo, anche peggiore rispetto a quella ricevuta l'anno scorso dopo la prima ondata di Covid. 
E' quanto emerge dall'Osservatorio Confturismo-Confcommercio e Swg sulla fiducia dei viaggiatori italiani relativo al mese di luglio. A pesare è l'assenza dei turisti internazionali e europei. Gli italiani, invece, riprogrammano al ribasso, posticipano le scelte di vacanza e tendono a disdire le prenotazioni. 
Boom di disdette 
Se gli italiani pronti a partire sono 17 milioni, il 34% di questi, pari a 5,8 milioni, dichiara di avere già disdetto almeno una delle prenotazioni di servizi turistici fatte in precedenza e, del restante 66%, quasi un terzo è pronto a disdire quanto prenotato, se gli indici epidemiologici peggiorassero. In sintesi, se già quest'anno mancavano all'appello 8 milioni di vacanzieri estivi rispetto ai numeri degli italiani ante pandemia, se ne aggiungono potenzialmente altri 8 milioni in meno.
Luglio al di sotto delle aspettative 
Dopo un giugno "flop", luglio si chiude ben al di sotto delle aspettative, con il 9% degli intervistati che ha scelto questo mese per vacanze di 3-7 giorni e il 13% per vacanze di oltre 1 settimana. Ma nelle previsioni dei connazionali scende anche agosto, soprattutto come mese per le ferie di oltre 7 giorni, passando dal 33% al 28% delle preferenze; mentre resta per ora in auge settembre, soprattutto per short break di 1 o 2 notti al massimo.
Effetto variante Delta 
Quindi gli italiani, rispetto a quanto emergeva a maggio, stanno posticipando le previsioni di partenza ed accorciando la lunghezza dei viaggi. E' l'effetto della "variante Delta", che fa paura, più che delle nuove regole sull'adozione del certificato verde digitale sulle quali gli intervistati si dichiarano d'accordo nel 79% dei casi, anche se la rilevazione si è chiusa il 20 luglio, quindi 3 giorni prima dell'uscita del relativo decreto.
Soffrono le mete estere 
A soffrire più di tutte sono le mete estere. Resistono Spagna, Grecia e Francia. Nove italiani su dieci optano per vacanze domestiche, il valore più alto mai registrato in 5 anni di rilevazioni. Puglia, Sicilia e Toscana restano in vetta alle preferenze, insieme alle classiche mete di Veneto, Emilia Romagna e Liguria, per una vacanza che per il 60% degli italiani, almeno nelle aspettative del momento, è dedicata al mare.