La Ue taglia ancora le stime di crescita dell'Italia

L'economia italiana dovrebbe crescere dello 0,6% nel 2021, contro lo 0,7% stimato tre mesi fa.

Morti sul lavoro

Morti sul lavoro

globalist 13 febbraio 2020

La Commissione Europea aggiorna le stime sull'andamento dell'economia italiana, limando la previsione di crescita per il 2020 dal +0,4% del novembre scorso a +0,3%, anche per via di un effetto trascinamento negativo dal 2019 (il Pil è calato dello 0,3% nell'ultimo trimestre dell'anno). I rischi per le prospettive di crescita del nostro Paese restano "pronunciati".


L'economia italiana dovrebbe crescere dello 0,6% nel 2021, contro lo 0,7% stimato tre mesi fa. La crescita del 2019 è stata dello 0,2%; la Commissione prevedeva a novembre +0,1%, ma il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri aveva pronosticato una crescita leggermente superiore, lo 0,2%. L'Italia, come avviene da anni, è di gran lunga il Paese peggiore dell'Eurozona per la crescita attesa, sia nel 2020 che nel 2021, oltre che per il 2019. La media dell'Eurozona è dell'1,2% per tutti e tre gli anni. 


La Commissione Europea aggiorna le stime sull'andamento dell'economia italiana, limando la previsione di crescita per il 2020 dal +0,4% del novembre scorso a +0,3%, anche per via di un effetto trascinamento negativo dal 2019 (il Pil è calato dello 0,3% nell'ultimo trimestre dell'anno). I rischi per le prospettive di crescita del nostro Paese restano "pronunciati".


L'economia italiana dovrebbe crescere dello 0,6% nel 2021, contro lo 0,7% stimato tre mesi fa. La crescita del 2019 è stata dello 0,2%; la Commissione prevedeva a novembre +0,1%, ma il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri aveva pronosticato una crescita leggermente superiore, lo 0,2%. L'Italia, come avviene da anni, è di gran lunga il Paese peggiore dell'Eurozona per la crescita attesa, sia nel 2020 che nel 2021, oltre che per il 2019. La media dell'Eurozona è dell'1,2% per tutti e tre gli anni.