Top

L'Italia paga le follie di Trump: vino e parmigiano a rischio dazi

In seguito alla decisione del Wto di autorizzare gli Usa a mettere fino a 7,5 miliardi di dollari di dazi sui prodotti europei, ecco quali sono i rischi per l'Italia

Mike Pompeo e Luigi Di Maio
Mike Pompeo e Luigi Di Maio

globalist

2 Ottobre 2019 - 19.18


Preroll

Mike Pompeo, segretario di Stato Usa, ha annunciato che tra i prodotti che potrebbero essere colpiti dai dazi Usa ci sono anche il vino e il parmigiano. Il rischio deriva dalla decisione presa dall’Organizzazione Mondiale per il Commercio (World Trade Organization, Wto), che ha dato il via libera a Washington all’imposizione di dazi fino a 7,5 miliardi di dollari su prodotti europei, in risposta alla rappresaglia degli Airbus: gli Usa, infatti, avevano accusato la Ue di aver concesso aiuti di stato al consorzio europeo che produce gli aerei.
Pompeo è tornato anche sulla questione del 5G cinese. “Se un’azienda italiana decide di investire o fornire attrezzature che hanno una rete che i nostri team di sicurezza nazionale ritengono rischiosa per la nostra privacy, allora dovremo prendere decisioni difficili”, ha spiegato a SkyTg24 riguardo all’ipotesi di un ingresso del colosso cinese Huawei nel 5G italiano.
“La nostra sicurezza nazionale agisce in modo molto diretto – ha sottolineato – ogni volta che prendiamo delle informazioni di sicurezza, facciamo in modo di garantire la privacy dei nostri cittadini e che queste informazioni attraversino reti sicure. Dobbiamo capire i rischi”. “Vogliamo essere partner dell’Italia ma non sacrificando la sicurezza nazionale americana – ha concluso – perché c’è il rischio che gli avversari oppure il partito comunista cinese abbiano accesso a queste informazioni”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile