La segretaria della Cisl Furlan: "O il governo cambia la sua politica economica o andremo a sbattere"

Il Def ha confermato che siamo a crescita zero, ma dal governo assistiamo solo a propaganda elettorale.

Annamaria Furlan

Annamaria Furlan

globalist 12 aprile 2019

Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl, in un'intervista a Il Dubbio ha dichiarato: "ci sarà un crescendo di iniziative, di manifestazioni e di scioperi, finché il governo non capisce che deve cambiare politica altrimenti andiamo a sbattere".
"È stato disarmante vedere l'ultima finanziaria caratterizzata dalla scelta politica di puntare su quota 100 e reddito di cittadinanza, non su sviluppo, crescita e lavoro" ha continuato Furlan. "Succede perché la politica non si dedica più a costruire per il futuro. C`è una ossessiva e continua ricerca del consenso quotidiano senza occuparsi di ciò che accadrà al paese e ai cittadini tra uno, due, tre anni.Carenza di lungimiranza. E si vede anche dal fatto che mentre discutiamo tanto di pochi migranti si trascura il dramma per cui ogni giorno dall`Italia partono tanti giovani per migrare. E` questo il nostro vero impoverimento: il fatto cioè di non avere la capacità di creare prospettive per il futuro. E quindi coltivare ed alimentare la speranza".
"È davvero sconcertante che dopo aver negato per mesi che fossimo a crescita zero, arriva il Def nel quale si riconosce che l'Italia è ferma ma non si sta facendo nulla per sbloccarla" ha dichiarato la segretaria, "ci sono solo promesse e dispute elettorali. Tuttavia tante iniziative di mobilitazione e di scioperi di categorie sono sicura aiuteranno il governo a ragionare- aggiunge la leader Cisl-. Proprio perché il governo finalmente capisca che o cambia la sua politica economica e sociale oppure porta il Paese a sbattere. E dopo otto anni di crisi economica, di tante sofferenze e sacrifici di uomini e donne del nostro Paese, questo non può essere consentito. A nessuno".