Bono Vox: fiero di essere europeo, i migranti sono un'opportunità

Il leader degli U2 incontra Tajani al Parlamento europeo a Bruxelles: abbiamo bisogno di più artisti coinvolti nel progetto europeo

Bono Vox e Tajani

Bono Vox e Tajani

Lui è il volto dell’Europa della brava gente. Non dell’Europa dei muri, dei fili spinati, dell’attacco ai diritti civili. E si capisce il perché: le migrazioni dall'Africa sono "un'incredibile opportunità". Lo ha detto il leader degli U2, Bono Vox al Parlamento europeo a Bruxelles. "Il Continente - ha precisato il cantante insieme al presidente del Pe Antonio Tajani - sta chiedendo una nuova partnership e dovremmo sederci insieme tra eguali e conquistare il mondo". Di recente, ha aggiunto Bono, "ho iniziato a ripensare all'idea di casa e ho capito che questa è casa mia".


"Sono europeo, oltre che irlandese, e l'idea di un patriottismo allargato è emozionante", ha proseguito il cantante, soffermandosi proprio sul momento difficile che sta affrontando l'Europa, individuando una risposta nell'arte. "Le persone stanno interrogando l'Europa, e abbiamo bisogno di più artisti coinvolti nel progetto europeo", ha aggiunto, facendo riferimento "alla mitologia americana, al sogno perpetuato da Hollywood".


"L'Europa - ha concluso Bono - ha una fisiologia molto complessa ma, dietro la politica, c'è un cuore grande che batte e un cervello che strategicamente sta lavorando per migliorare la vita dei cittadini, viviamo di gran lunga meglio di chiunque altro al mondo. Voglio far parte di quell'idea romantica che è l'Europa".