Top

Accusato di abusi si dichiara innocente, annuncia il suicidio su Twitter e si uccide

Sgomento per la morte del musicista messicano Armando Vega Gil. Lo accusavano di aver molestato una ragazzina di 13 anni dieci anni prima. E lui: "sui social non ho alcun mezzo per difendermi"

Il musicista messicano Armando Vega Gil
Il musicista messicano Armando Vega Gil

globalist

2 Aprile 2019 - 13.05


Preroll

Ha annunciato il suo suicidio sui social e poi l’ha fatto. Come forma di protesta per sostenere la sua innocenza di fronte ad accuse di molestie sessuali.
Il musicista messicano Armando Vega Gil è stato ritrovato senza vita nel suo domicilio di Città del Messico. Lo ha riferito la procura della capitale messicana.
Il fondatore e bassista della band rock Botellita de Jerez, attivo dal 1983, era accusato di molestie sessuali nei confronti di una 13enne.
Poche ore prima del decesso il 63enne ha pubblicato un lungo comunicato su Twitter, nel quale affermava la propria innocenza e annunciava che l’unica strada che vedeva di fronte a sé era quella del suicidio. «Una ragazzina mi accusa di aggressione e molestie. Racconta che sarebbe avvenuto quando aveva 13 anni e lo rende grave, molto grave».
Il fatto sarebbe avvenuto 10 anni fa. «Bene, affermo categoricamente che questa accusa è falsa. La mia vita è finita, non c’è via d’uscita. So che sui social non ho alcun mezzo per difendermi, tutto sarà usato contro di me».
Vega Gil, oltre alla carriera musicale, aveva scritto una ventina di libri, molti dei quali dedicati ai bambini.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage