Salvini acido con Baglioni che lo aveva criticato sui migranti: "Canta che ti passa"

L'artista aveva definito una farsa la vicenda delle navi a Malta. Il leghista: di sicurezza e terrorismo mi occupo io

Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio

Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio

globalist 9 gennaio 2019

Pane e Nutella gli è andata di traverso nel pensare che pochi migranti rovinassero l’immagine di duro e cattivo che si è costruito a forza di scimmiottare Trump, indossare le divise di tutti e farsi selfie a gogo
.


Ora la voglia è di polemizzare contro il cantante e presentatore di Sanremo che aveva speso parole in favore dei migranti e criticato la gestione del caso Sea Watch: "Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo". 



Cosa evasa detto l’artista per scatenare l’acidità del ministro della Paura? "Siamo un po' alla farsa. Non si può risolvere il problema di milioni di persone in movimento bloccando lo sbarco di 15 persone. O dicendo: due li prendi tu e cinque io".
"Credo che le misure messe in campo dal governo non siano all'altezza. Non lo sono state neanche quelle precedenti ma ora il problema è più grande. Tutti guardano con sospetto il diverso da sé. Siamo vicini all'anniversario della caduta del Muro di Berlino e noi invece ne stiamo alzando altri", ha aggiunto Baglioni, per anni animatore sull'isola di Lampedusa della manifestazione 'O Scia', nata proprio come forma di sensibilizzazione sull'immigrazione clandestina.
"Io sono stato sempre contrario ai viaggi clandestini perché provocano morti. Ma il problema non si può risolvere chiudendoci", ha concluso.