La compagnia Excursus in scena con il 'Trittico della diversità'

Il 4 febbraio alle ore 21 ed il 5 febbraio ore 18.00 al Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma.

Una scena tratta da il 'Trittico della diversità'

Una scena tratta da il 'Trittico della diversità'

globalist 3 febbraio 2017

Un progetto che riunisce tre visioni diverse del presente è quello portato in scena dalla Compagnia Excursus che, sotto la direzione artistica di Ricky Bonavita e Theodor Rawyler, presenta al Teatro Biblioteca Quarticciolo il 'Trittico della diversità'. Tre lavori brevi di coreografi che fanno parte del "progetto excursus" ormai da tempo, ognuno intorno ad un nodo, ad una domanda alla quale dare delle risposte attraverso il corpo, attraverso la complessità del movimento e della danza, riflesso del sentire oltre e senza parole.


I coreografi del nucleo artistico di Excursus, Benedetta Capanna, Valerio De Vita, Giordano Novielli e Lorenzo Giansante sono talenti che la compagnia sceglie di accompagnare nel proprio percorso creativo e produttivo, riconoscendo a quella next-generation l'urgenza di condividere una propria visione del presente, attraverso creazioni eterogenee e linguaggi coreutici diversi.


In "STUPOR" del collettivo cadavre exquis con gli autori Giordano Novielli e Lorenzo Giansante il nodo è il disorientamento, la difficoltà che abbiamo oggi nel comprendere il Reale. Partendo dall'immagine della pop-star Britney Spears, goffa e sfatta agli MTV Awards del 2007, il collettivo ci conduce in un mondo ambiguo, sospeso fra la scena e la vita. Agisce in scena anche l'autrice della scenografia Francesca Innocenzi.


Valerio De Vita in "ScontrINcontri" indaga sulle relazioni in ambito lavorativo, l'altro, il collega, il rivale. Anche oggi. Lo sento, è qui, mi vede. Fa il mio stesso lavoro, occupa lo spazio che creo, ora mi segue, ora scompare. Muovendosi in questa stanza disegna forme, esse si mescolano con le mie, rendendole irriconoscibili. È diverso, è un'interferenza, e le nostre esistenze sono inconciliabili. Eppure siamo così simili.


Benedetta Capanna presenta il trio "Apah", scandito dalla musica del Sal puri, danza sciamanica coreana che significa "sciacquare via gli spiriti maligni". Partendo dall'esigenza di una purificazione e riecheggiando immagini ancestrali, questo trio ricrea un rituale danzato attraverso il quale poter elaborare ed esorcizzare la pesantezza della nostra storicità e della più semplice fragilità umana. Apah, in sanscrito sono le acque, sia terrene che celesti, il primo elemento cosmogonico con potere purificante, medicamentoso e vivificatore.


STUPOR


coreografia, concept, audio editing Matteo Bifulco, Lorenzo Giansante, Giordano Novielli


oggetti di scena e costumi Francesca Innocenzi


performance Francesca Innocenzi, Lorenzo Giansante, Giordano Novielli


ScontrINcontri


coreografia: Valerio De Vita


danza: Valerio De Vita, Emiliano Perazzini


APAH


coreografia: Benedetta Capanna


danza: Benedetta Capanna, Maria Elena Curzi, Giordano Novielli