Top

La lettera di Joan Baez a Michelle Obama in difesa dei Sioux

L'appello della cantautrice e musicista riguarda la dura lotta in North Dakota dei Sioux contro la realizzazione di un oleodotto.

<picture> Joan Baez </picture>
Joan Baez

globalist

28 Novembre 2016


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

La famosa cantautrice Joan Baez rivolge un appello accorato a Michelle Obama, ancora per poco tempo first lady, sulla protesta in North Dakota dei Sioux che stanno lottando per evitare che sulla loro terra sia realizzato un oleodotto. I lavori di realizzazione dell’ecomostro nella contea di Morton sono infatti già iniziati, sotto lo stretto controllo della polizia che vigilia sul sito. Baez cita un discorso fatto da Michelle rivolto alle figlie Malia e Sasha su un futuro migliore per loro e per le nuove generazioni in America. La musicista ha dunque chiesto all’amministrazione uscente di far bloccare i lavori e di ridare dignità al popolo Sioux.

Middle placement Mobile

Ecco la traduzione della lettera.

Dynamic 1

Cara Michelle Obama,
Mi rivolgo a te come una madre che si preoccupa per un’altra madre.
Ero fiera di te quando hai parlato con tanta eloquenza delle vostre figlie, di quanto siano preziose, della necessità che siano rispettate e tutelate. Il tuo discorso è stato una meraviglia per il mondo intero.
Ci sono ragazze dell’età delle tue figlie e di mia nipote che stanno rischiando la vita nella riserva dello Standing rock. Sono coraggiose e pazianti. E andrebbero difese dai venti del Nord Dakota, dai proiettili di gomma, dallo spray al peperoncino e dai cannoni ad acqua fredda. I bambini nativi americani non lottano solo per le loro terre sacre, ma per le loro vite. Prova a imedesimarti. A pensare che siano figli tuoi.
Da una parte ci sono gli abitanti della riserva che  lottano senza armi  per tenere fuori gli interessi petroliferi dalla terra sacra, dall’atra la polizia militarizzata, con il suo schiacciante potere. Plaudo al coraggio di questi eroi come a quelli del nostro passato, come Martin Luther King e Gandhi.
Non credo che il presidente Obama voglia essere ricordato per la sanguinosa repressione a Standing rock. Né per essere stato complice del razzismo e dei massacri della polizia.
Tuo marito ha ancora un po’ di tempo. Prima di andar via deve prendersi cura dei nostri bambini nativi americani, deve fermare i sanguinosi scontri in corso a Standing rock. Deve ribadire il suo impegno a favore dell’ambiente, e una volta per tutte, porre fine alla costruzione del Dakota Access Pipeline.
Ti auguro di mantenere la forza nel vostro ultimo periodo alla Casa Bianca. Non puoi immaginare quanto ci mancherai.
Con grande affetto e rispetto,
Joan Baez

Dynamic 2

Leggi anche Oleodotto filo-Trump sulla terra sacra dei Sioux: Donald trionfa in North Dakota

Ma che ringraziamento! Per i Sioux che lottano contro l’oleodotto è un giorno di lutto

Dynamic 3

 

 

Dynamic 4
 
 
 
 
 
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage