Jacopo, il figlio di Dario Fo: è facile celebrarlo ora, dopo una vita a censurarlo

Post polemico su Facebook: "Anche Milano che adesso lo celebra non gli ha mai voluto dare uno spazio".

Dario Fo, camera ardente

Dario Fo, camera ardente

globalist 14 ottobre 2016

Jacopo Fo, polemicamente, ha ricordato suo padre, il grande Dario, con un post serale, dopo che ieri, 13 ottobre, tutto il mondo ha pianto la scomparsa dell'artista. "Sì, adesso sono tutti a celebrare Dario. Dopo una vita che han fatto di tutto per censurarlo e colpirlo in tutti i modi. Vaffanculo. Onore a Brunetta che ha detto che mio padre non gli è mai piaciuto", ha scritto. "Anche Milano che adesso lo celebra non gli ha mai voluto dare uno spazio", ha aggiunto.


Leggi anche: Dario Fo, il rivoluzionario che ha rivoluzionato la cultura


Oltre tremila condivisioni, e altrettanti commenti. Per lo più condoglianze, per un padre perso, e molto amore. Tante le repliche al post, soprattutto per sostenere la tesi di Jacopo Fo. 


Il riso è sacro: le più belle frasi di Dario Fo



Aperta la camera ardente. Oggi, 14 ottobre, è il giorno dell'addio. La camera ardente è stata allestita al Piccolo Teatro Strehler, in via Marco Greppi 1, nella sua città e aperta dalle 9,30 fino a mezzanotte, poi domani dalle 8,30 alle 11, quando il feretro sarà accompagnato in Piazza Duomo per l'ultimo laico saluto. La bara di legno chiaro è chiusa, alle sue spalle c'è il palco: sopra c'è una foto dell'artista. Nella sala i gonfaloni di Regione Lombardia, Comune di Milano e Città metropolitana e una corona di rose rosse e bianche del Presidente della Repubblica. Accanto alla foto di Dario Fo, adagiata su un cavalletto da pittore, c'è uno sgabello con le tempere, i colori acrilici, i pennelli dentro ad un barattolo, gli stracci sporchi di colore.


Domani a Milano sarà lutto cittadino.


Sepolto al Famedio. Dario Fo sarà sepolto nel Famedio del Cimitero monumentale di Milano, il pantheon delle personalità illustri della città. Lo ha confermato il figlio Jacopo alla camera ardente, spiegando che la famiglia ha accettato la proposta del Comune di Milano. Il premio Nobel riposerà quindi vicino alla moglie, l'attrice Franca Rame, scomparsa nel maggio del 2013