Top

Il cinema di ringhiera contro l'ignoranza del razzismo

Un progetto di apertura a Milano in un mondo dove muri separano e fanno crescere il germe fascista della xenofobia.

<picture> Il gruppo di cittadini che ha organizzato Cinema di ringhiera </picture>
Il gruppo di cittadini che ha organizzato Cinema di ringhiera

globalist

17 Maggio 2016


Preroll

Dergano è come fosse un paesino dentro Milano. Un luogo quasi magico, nel quale si incontrano culture e passioni. A Dergano ci vivono i cittadini di sempre e uomini e donne che arrivano da ogni parte del mondo. Ci arrivano gli artisti e i poeti. Nascono progetti e sogni come il Nuovo Cinema Armenia o come il bistrot Mamusca. Proprio per questa passione bella che coltiva cultura nel territorio è necessario raccontare la rassegna cinematografica dei cortili dei caseggiati per conoscere le culture e le lingue che popolano il quartiere. Così è nata la rassegna Cinema di ringhiera, rassegna di corti derganesi, dal 28 maggio al 18 giugno. Per chi fosse interessato, questo è il sito dove si può trovare il programma.
Sei film in lingua originale e sottotitolati in italiano, provenienti dalle stesse aree geografiche delle maggiori comunità residenti sul territorio: Italia, Mondo Arabo, Cina, Sri Lanka, Sud America e Senegal. Ogni comunità presenta sé stessa agli altri attraverso un film e sostenendo un dibattito a fine proiezione. Cosa c’è di meglio del cinema per illuminare le ombre della convivenza tra diverse nazionalità? Ecco dunque un percorso che di cortile in cortile ci guiderà verso la valorizzazione delle culture e delle tante lingue madri che oggi risuonano nel quartiere. Film in lingua originale ma anche narrazioni in doppia lingua. Due o più narratori che si alternano, frase dopo frase, nel raccontare una stessa storia in più lingue. Grazie al contagio narrativo, dal pubblico potranno nascere altri racconti. Un modo nuovo per costruire dialoghi ed intrecciare relazioni.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Qualcuno ha detto che per cambiare il mondo bisogna prima di tutto cambiare noi stessi. Noi ci stiamo provando attraverso un’esperienza chese non altro cambierà il modo di guardare le persone che vivono nel nostro quartiere” ha dichiarato il regista Antonio Augugliaro a www.100kmdamilano.it.

Middle placement Mobile

Alla faccia del razzismo e dei muri che separano coscienze. Across the borders, abbattendo muri.

Dynamic 1

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage