Top

I Grimaldi boicottano il film Grace di Monaco

La pellicola su Grace Kelly aprirà il Festival di Cannes il prossimo 14 maggio, ma la famiglia ha fatto sapere che non assisterà alla proiezione.

I Grimaldi boicottano il film Grace di Monaco

Desk3

4 Aprile 2014 - 21.50


Preroll

Manca più di un mese a quando il film verrà proiettato al Festival di Cannes, ma la famiglia Grimaldi ha deciso di non assistere alla proiezione di ‘Grace di Monaco’, con Nicole Kidman nel ruolo della protagonista. È deciso. Il principe Alberto II e le sorelle, Caroline e Stephanie, boicotteranno il lungometraggio di Olivier Dahan perchè non approvano il modo in cui la vita della madre, Grace Kelly, la splendida attrice americana diventata principessa sposando Ranieri III nel 1956, è stata portata sul grande schermo. Stando al New Yok Post, citato oggi da Le Figaro, il motivo di tanta disapprovazione starebbe soprattutto nel ritratto di Ranieri III che traccia il regista francese (lo stesso che ha girato il pluripremiato ‘La vie en rosè sulla vita della cantante Edith Piaf con Marion Cotillard, premio Oscar per la migliore attrice). Alberto II, diventato reggente nel 2005, alla morte del padre, «teme che il film dia un’immagine negativa del padre e lo mostri come un leader che controllava la vita della madre in tutto e per tutto», scrive il giornale.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Le Figaro, che ha dato oggi la notizia del boicottaggio di Cannes, trova conferme da fonti anonime del palazzo: «Il problema – gli è stato riferito – è che se Grace ne esce glorificata, il principe invece è dipinto come debole, unilaterale e possessivo verso la moglie». Sin da quando il film è stato annunciato, più di un anno fa, i figli di Grace Kelly hanno espresso vivo disappunto: «Questo film non è un biopic. Racconta una pagina, riscritta e inutilmente resa glamour, della storia del Principato di Monaco e della loro famiglia, con gravi inesattezze storiche e una serie di scene di pura finzione», avevano scritto in un comunicato nel gennaio 2013. Il film si focalizza sul periodo in cui l’icona di Hollywood è diventa principessa, e in particolare affronta il dilemma di lei se accettare il nuovo ruolo che Alfred Hitchcock le propone per ‘Marniè (poi affidato a Tippi Hedren) o se lasciare il cinema e dedicarsi esclusivamente alla sua nuova vita, in un momento storico non facile per il Principato. Alberto II e le sorelle avevano chiesto, invano, di effettuare delle modifiche alla sceneggiatura. A film completato, avevano anche chiesto di poter visionarlo in privato, ma il produttore Pierre-Ange Le Pogam ha rifiutato.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage