Top

Finisce in tribunale "E la chiamano estate"

La vedova del musicista Bruno Martino ricorre alle vie legali: "La canzone sincronizzata con scene pornografiche". Il regista: "Falsità".

Finisce in tribunale "E la chiamano estate"

Francesco Troncarelli

21 Novembre 2012 - 14.14


Preroll
di Francesco Troncarelli

Dai fischi alle aule del tribunale. Non c’è pace per “E la chiamano estate” il contestatissimo film-scandalo di Paolo Franchi, premiato due volte tra dissensi e sberleffi al Festival di Roma. La vedova di Bruno Martino, autore della famosa canzone che dà il titolo alla pellicola, ha deposito un ricorso cautelare d’urgenza per bloccare proiezione e distribuzione del film prevista per domani.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il motivo del ricorso che verrà discusso oggi al Tribunale di Roma e che se verrà accolto arrecherà danni serissimi al film prodotto da Nicoletta Mantovani e Sonia Raule ed interpretato da una pimpante Isabella Ferrari, è legato “all’interpretazione, alle sue scene a carattere pornografico, alla trama scabrosa che, sincronizzate alle musiche di Martino, lederebbero gravemente il patrimonio culturale e artistico del musicista”.

Middle placement Mobile

Ovvie le resistenze e il disappunto da parte del regista uscito vincente dalla kermesse cinematografica: “Il mio film non è pornografico, tant’è vero che la censura si è limitata al divieto per i 14 anni e non per i 18. La canzone poi –ha proseguito Franchi- non è sincronizzata con le sene scabrose. Oltre all’inizio, mentre vediamo le onde del mare, il brano si ascolta in una scena in cui Barr e la Ferrari dialogano con lei che ha una camicia castissima, anche se sotto è mezza svestita.”

Dynamic 1

Sarà. Fatto è che nel bene o nel male, questa denuncia da parte della signora Fiorelisa Calcagno, depositaria della memoria e della produzione del grande artista, porta ulteriore pubblicità a un film giudicato negativamente dalla critica e, come si ricorderà accolto da fischi e battute nel corso della proiezione, come una volta si faceva nei “pidocchietti” di quartiere.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage