Top

Letteratura, Nobel al cinese Mo Yan

Vince un intellettuale che critica il regime senza urlare. Il suo nome d'arte significa "Non parlare". Dal libro Sorgo Rosso tratto l'omonimo film.

Letteratura, Nobel al cinese Mo Yan

redazione

11 Ottobre 2012 - 13.37


Preroll

57 anni, un intellettuale mai sopra le righe ma rigoroso e molto conosciuto e ri-conosciuto in Cina. Il nobel per la Letteratura quest’anno va a Mo Yan. Il suo è un nome d’arte che significa “Colui che non vuole parlare” (vero nome Guan Moye), scelta insolita e dura che ben rappresenta il carattere e la scrittura di un intellettuale che è stato in grado di descrivere con uno stile asciutto e impassibile tutte le contraddizioni della Cina moderna.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Mo Yan è uno scrittore che ha scelto di vivere in Cina, dove ha vissuto in prima persona tutti gli eventi del regime comunista, compreso l’obbligo di darsi da fare nel “lavoro manuale” durante la rivoluzione culturale: proveniente da una famiglia poverissima, ha fatto il pastore.

Middle placement Mobile

Il suo libro più famoso è “Sorgo Rosso”, reso celebre anche dalla trasposizione cinematografica del regista cinese Zhang Yimou, che vinse il Leone D’oro a Berlino nel 1988: un ritratto della Cina degli anni 30. Il suo ultimo romanzo è Rana, e affronta il tema della politica del figlio unico in Cina. In Italia le sue opere sono tutte pubblicate con Einaudi.

Dynamic 1

“Con il suo realismo allucinatorio
narra racconti popolari, storici e contemporanei”, si legge nellemotivazioni con cui la Reale Accademoia di Svezia gli ha conferito il prestigioso premio.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage