Diaconale polemico: “La Juventus poteva concordare tagli stipendi con gli altri club”

Il portavoce di Lotito sul coromavirus: "Se l'avesse concordato con le altre società e con i calciatori sarebbe diventata una misura erga omnes"

Diaconale

Diaconale

Globalsport 31 marzo 2020Globalsport

Ai microfoni di “Radio Punto Nuovo”, il responsabile della comunicazione della Lazio, Arturo Diaconale, ha espresso la sua opinione sul taglio degli stipendi che riguarda il club torinese: ''La Juventus ha curato i propri interessi, un taglio di quella cifra riesce a riequilibrare o dare solidità al proprio bilancio. Magari se l'avesse concordato con le altre società e con i calciatori sarebbe diventata una misura erga omnes, così riguarda soltanto loro. La Lazio prenderà una decisione insieme a tutte le altre società, sicuramente il taglio degli stipendi dei giocatori è una misura che può aiutare le casse delle squadre, ma va trattata''.


''La Juventus - continua - ha già un accordo con i propri calciatori per un taglio consistente che la mette a riparo su vari fronti. Il mondo del calcio avrebbe bisogno di un minimo di buon senso. Nessuno dice che il coronavirus non esiste, ma va detto che non potrà impedire il ritorno alla normalità e bisogna impegnarsi nel guardare il post pandemia''.


E sulla chiusura del campionato conclude. ''Credo ci siano dati oggettivi che portano Lazio e Napoli ad avere interesse nel portare a termine il campionato. In questo caso la comunanza degli interessi porta automaticamente ad avere delle sintonie ".