Il grillino No Vax calma la rivolta anti-Grillo a modo suo: 'è solo colpa dei giornalisti'

Davide Barillari, il consigliere della Regione Lazio, non convince i suoi elettori con la tesi che 'nulla è cambiato". Tra insulti, male parole, bye bye e «non ricordi quando eravamo no-vax?» la divisione attraversa i grillini

Beppe Grillo incita i suoi ad accettare la linea sì-vax. Ma l'appello non va nel verso auspicato

Beppe Grillo incita i suoi ad accettare la linea sì-vax. Ma l'appello non va nel verso auspicato

Tommaso Verga 11 gennaio 2019Hinterland
di Tommaso Verga
«Burioni terrapiattista»: apre oggi su Facebook Davide Barillari, il «mancato» candidato-presidente del movimento 5stelle alla Regione Lazio. Si capisce che vorrebbe essere il richiamo all'ortodossia predicata da parte del moVimento di un convinto no-vax dopo l'appello di Beppe Grillo-Matteo Renzi. Però sfugge il significato, il senso: «terrapiattista» a Burioni? Perché? Semmai è il contrario. Salvo che, e la probabilità è elevata, anziché dirne quattro di (sua) santa ragione a Grillo, Barillari è obbligato a mischiare le carte, attaccarsi altrove. Schierarsi contro la linea del partito? E mica siamo nel Pci...
Tanto che, durante la giornata, sul suo profilo Fb esce un'articolessa contro i giornalisti. Che non hanno (sotto)valutato come meritava, un «lancio» che mette insieme due poveri cristi come Grillo e Renzi, oltretutto per fargli dire – abominio! – che la scienza non dev'essere utilizzata per scopi politici. Di qui la necessità di scrivere che «i giornalisti sul tema vaccini sono sempre alla frenetica ricerca di uno scoop (così come sulla Boschi, sulla Consip, sulle banche Etruria, Montepaschi, Carige e via elencando, che impiccioni!, ndr), cercano di carpire ogni parola come squali in una vasca accecati da una goccia di sangue, alimentando (e spesso creando) polemiche, scontri, divisioni anche dove non ce ne sono. E basta una parola di Beppe Grillo per riempire tg e fare titoloni sui giornali. Per creare un nuovo "caso" da buttare nell'arena dei talk show. Scandalo: Grillo insieme a Renzi e Burioni! Ecco la vera natura del MoVimento 5 Stelle! Sono uguali, sono peggio degli altri».
Un velo di ruggine. Contro quegli stessi giornalisti che del personaggio si occuparono la settimana precedente lo scorso ferragosto dopo aver letto (sempre su Fb): «Scienziati intelligenti contro politici ignoranti? Quando si è deciso che la scienza fosse più importante della politica? Chi l'ha deciso e perché? A questo siamo arrivati. 

«Visto che i politici sono tutti ignoranti, allora mettiamo medici e scienziati a scrivere le leggi, piuttosto che fargli perdere tempo a fare ricerche, ad analizzare dati e numeri, e ad occuparsi di curare i loro malati. Così finalmente avremo leggi che obbligheranno davvero 'il gregge' a trattamenti sanitari decisi dai medici». Firmato, Davide Barillari.
In sostanza, «la politica viene prima della scienza. La politica può ascoltare quel che dice la scienza, ma la scienza non può dettare niente alla politica. La scienza deve essere democratica, quindi politica». La teoria venne «condita» dalla proposta di legge regionale (a nome del moVimento del Lazio). Sintesi: «i bambini vaccinati vanno messi in quarantena perché potenzialmente contagiosi». Dunque, ricorrere al suo profilo Fb aiuta il confronto.
Allora, cosa fare dopo un appello così congegnato? Più facile a dirsi che... C.N. a Beppe Grillo scrive: «Si è rivelato un falso pure lui! È dagli anni 80 che lo seguo come è dalla nascita del M5S che vi ho seguiti supportati e votati! Dopo questo tradimento non vi voterò più! Ecco il video del bugiardo Grillo!».
Valli a convincere. Ha voglia Barillari a scrivere «nessun cambio di rotta», non ha fatto i conti con l'elenco telefonico dei grillini: «In che senso? – ribatte C.N. –, verrà tolto l’obbligo vaccinale? Te lo chiedo perché mia figlia ha subito dei danni al suo sistema immunitario dopo il vaccino contro il papilloma virus... e da 10 anni deve fare cure per tenere alto il suo sistema immunitario! Mia zia dopo il vaccino antipolio ha avuto la poliomielite con un danno irreversibile alla gamba e lo stesso è successo al cugino di mio marito! Il figlio di una mia amica, sanissimo fino a 3 anni, subito dopo il vaccino contro il morbillo è diventato autistico.... io non sono no vax ma vorrei che ogni vaccino venga analizzato dai nostri ricercatori e che vengano messi in commercio dallo Stato e non dalle case farmaceutiche private, che vengano prodotti ed iniettati in monodosi e che chi vuole possa far vaccinare il proprio figlio a partire dai 6 anni quando il bimbo ha un sistema immunitario più forte che a 3 mesi!». Una summa delle teorie no-vax di una contraria ai no-vax).
Poi i sarcastici: Grillo diventa si-vax. Per protesta Toninelli si getta dal Ponte sullo stretto di Messina, P. Taverna attacca il morbillo ai cugggini, Dimaio impara i congiuntivi, Laura Castelli va a comprare all'Unieuro, Renzi impara l'inglese e mantiene la prima promessa della sua vita abbandonando la politica
FdiD.: Delusione... Delusione... Delusione... Un Movimento non più tale... addio anche al M5S
G.P.: Te sei sempre contro l’obbligo Davide Barillari e ci credo ma, chi sta sedendo in parlamento si sta rimangiando tutto con una voracità incredibile, la tua collega ministro Grillo... lasciamo stare, No comment
F.P.C.: Non è questione solo di rimangiare la cosa più evidente che non è una politica del rilancio comprarsi i disoccupati chi non ha nulla ma vedere in realtà che l Italia la povertà appartiene anche a un lavoratore ma forse il nostro premier di occupazione non sa
E.I.S. M5S Regione Lazio contro l'obbligo... ma con Burioni. Controsenso.
D.P. Adesso voglio vedere come ne uscite. Spero almeno che sia rivelatore per chi ancora aveva dubbi.
Naturalmente, come sempre in casi del genere, non manca chi saluta definitivamente per annunciare che ne va.
C.N.: Bye bye M5S! Una delusione immane! Ho convinto a votare il M5S tutta la mia famiglia, i miei amici in Italia e all’estero..... perderete da parte mia centinaia di voti!
G.C.: Sapete benissimo, visti gli studi del Dott. Stefano Montanari con cui Beppe ha intessuto per anni rapporti , che i vaccini attualmente non sono né sicuri , né efficaci: per cui politicamente ed eticamente non puoi renderli obbligatori e nemmeno consigliabili.
M.N.: Il dott Montanari ha scritto un libro sul suo rapporto con Beppe Grillo. Si chiama Il grillo bannaro. Una lettura interessante che si puo scaricare da internet
D.P.: Parliamo di una cosa, di un tradimento che noi "no vax" sappiamo da mesi (nei no vax c'è chi non vaccina, chi vaccina in parte, chi ha vaccinato e poi ha interrotto, chi è stato danneggiato da vaccino, chi vuole vaccinare con calma.. ..). Ripeto, spero che sia rivelatore a chi ancora li giustificava.
S.S.: Che delusione!
D.P.: Mi dole dirlo, ma alla fine avevano ragione i veterani: non ci si può improvvisare politici.
F.L.: Roba da vergognarsi, da sputarsi in faccia alla specchio, se solo avesse percezione della sua totale assenza di dignità. Si vergognino, lui e l'altra Grillo. Che schifo, cazzo!
R.S.: Burioni é il terrapittista ed opera in conflitto di interessi, Beppe
R.N.: Buongiornissimo ebeti!
G.R.: Risadelli no vax al rogo
Non manca chi rammenta che la posizione sulla quale si regge il ministero della Salute è ancora quella dell'obbligo fissato dal «decreto Lorenzin» che il governo non ha mai modificato.
A.R.: Non si può sottoscrivere un patto con Renzi, Ranieri Guerra, Lopaco e poi cercare di recuperare. Ci doveva pensare prima. E come movimento al governo la decisione politica dell'obbligo non la state modificando. Quindi di cosa parliamo?
L.P.: Un monologo di 20 anni fa... Non si trova nulla di.meglio? Personalmente sono contro all'obbligo della vaccinazione nelle formule odierne, ma ho vaccinato mia figlia. Ergo la posizione di Grillo è esattamente corrispondente a ciò che penso.
D.S.: Delusione e schifo
L.G.: Beh Davide (Barillari, ndr) ricordo un tuo condivisibilissimo e coraggioso pensiero proprio sul rispettivo ruolo di scienza e politica. Fosti se non erro lasciato solo anche dai 5 stelle. Intanto il ddl Lorenzin è in pieno vigore e anzi si ventilano nuovi obblighi per docenti e personale sanitario. Non è quello che ci si aspettava dai 5 stelle, e sbaglia ulteriormente Grillo a dare dei terrapiattisti a chi recrimina una sorta di inversione proprio nelle POLITICHE vaccinali del governo. Almeno per ora la delusione è ben motivata.
La conclusione di F. L.: Si volta pagina, ho sbagliato alla grande.