Arabia Saudita: sposa-bambina fugge da marito 90enne

La ragazzina di 15 anni si è barricata in camera per due giorni, poi è fuggita a casa dei genitori. Il marito 90enne porta i suoceri in tribunale per riavere la dote.

Desk 8 gennaio 2013
In Arabia Saudita, una ragazzina 15enne, appena andata sposa a un 90enne, è fuggita di casa ed è
tornata dai genitori, dopo essersi barricata nella stanza da letto per due giorni. Il marito ha portato in tribunale i suoceri per aver indietro la dote pagata per ottenere la sposa-bambina.



La quindicenne è originaria di una zona rurale nel sud-ovest del Paese, la provincia di Jizan, vicino al
confine con lo Yemen ed è figlia di un padre yemenita e una madre saudita. Il caso ha risollevato le critiche delle associazioni per i diritti umani, che si battono da anni per innalzare l'età minima di matrimonio e che comunque le nozze avvengano per consenso. Nell'iper-conservatore regno wahabita, non c'è un'età minima per il matrimonio, ma il governo ha annunciato di recente di voler fissare uno spartiacque.



Secondo uno studio di un ricercatore universitario saudita, Ali Abdul Rahman al-Roumi, oltre cinquemila adolescenti con meno di 14 anni vengono date spose ogni anno in Arabia Saudita.