Dopo Trump aiutino a Marine Le Pen? Parigi mette in guardia Mosca

Il ministro Ayrault: non accetteremo interferenze nel nostro processo elettorale

Marine Le Pen

Marine Le Pen

globalist 15 febbraio 2017

Dopo l'aiutino a Trump, ora è la volta di Marine Le Pen? La Francia, dopo le accuse rivolte dagli 007 Usa alla Russia sulle interferenze nelle elezioni presidenziali Usa dell'8 novembre, ed i timori dello stesso tipo espressi dai servizi segreti tedeschi per le legislative del 24 settembre, ha intimato a Mosca di non tentare scherzi alle presidenziali del 23 aprile/7 maggio. "Non accetteremo alcuna interferenza nel nostro processo elettorale da qualunque parte provenga, che sia dalla Russia o da qualsiasi altro Stato", ha dichiarato il ministro degli Esteri Jean-Marc Ayrault dopo che il candidato centrista Emannule Macron, dato tra i favoriti per il ballottaggio del 7 maggio, ha accusato Mosca di aver preparato un dossier falso su di lui.
Il sospetto, non detto esplicitamente, è che Mosca cerchi di aiutare Marine Le Peen: del resto la Russia preferisce un'Unione europea indebolita che non prema ai suoi confini, come è accaduto in Ucraina.